Risarcimento danni al proprietario dell'appartamento sottostante - Ma se poi questi viene indennizzato dall'assicurazione condominiale?

Chi, senza una giusta causa, si è arricchito a danno di un'altra persona è tenuto, nei limiti dell'arricchimento, a indennizzare quest'ultima della correlativa diminuzione patrimoniale. Costituiscono elementi costitutivi di tale fattispecie l'arricchimento a favore di un soggetto, l'impoverimento subito da un altro soggetto, il nesso di correlazione tra i predetti due requisiti, l'assenza di una giusta causa dell'arricchimento, la mancanza di qualsiasi altra azione in favore dell'impoverito per ottenere la reintegrazione patrimoniale.

Tuttavia, perché possa configurarsi il diritto all'indennizzo per ingiustificato arricchimento in danno altrui é necessario che l'impoverimento e l'arricchimento derivino, in via immediata, dal medesimo fatto con la conseguenza che il fondamento dell'indennizzo viene meno qualora lo spostamento patrimoniale, pur se ingiustificato, tra due soggetti sia determinato da una successione di fatti che hanno inciso su due diverse situazioni patrimoniali soggettive, in modo del tutto indipendente l'uno dall'altro.

Nella fattispecie affrontata dai giudici della Corte di cassazione (sentenza 18878/15) una perdita d'acqua delle tubazioni dell'appartamento di proprietà di A aveva danneggiato l'appartamento sottostante di proprietà di B. Il condomino A aveva provveduto a corrispondere alla ditta esecutrice dei lavori di ripristino dell'appartamento danneggiato, un importo di circa 10 mila euro.

Successivamente, il condomino B si vedeva riconoscere un ulteriore importo a titolo di risarcimento dall'assicurazione condominiale, con conseguente richiesta di restituzione da parte del condomino A di quanto corrisposto alla ditta esecutrice dei lavori di ripristino dell'appartamento di proprietà di B.

A parere dei giudici di legittimità non sussistono gli elementi per poter individuare un ingiustificato arricchimento di B ai danni di A. Nel caso di specie, infatti, manca l'elemento essenziale della identità (e unicità) del fatto causativo dal momento che mentre l'arricchimento era dipeso dal versamento effettuato in favore della danneggiata da parte della compagnia assicuratrice del condominio, l'impoverimento dell'attore era conseguenza del pagamento da lui effettuato in favore della ditta che aveva effettuato i lavori di ripristino, senza che i due danni risarciti (ed i soggetti che avevano effettuato i relativi pagamenti) corrispondessero.

26 settembre 2015 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Lavori di ristrutturazione del condominio » Per i danni ad un singolo appartamento chi è obbligato al risarcimento danni?
Condominio: chi paga quando i lavori sono fatti male e danneggiano un singolo appartamento. Quando i lavori condominiali creano un danno al singolo appartamento, si crea una complessa catena di responsabilità. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 20557/14. Da ciò che si evince dalla suddetta ...
Quando un condomino è danneggiato dalle opere di consolidamento dell'edificio condominiale
L'onere necessario alla produzione di un'utilità collettiva nell'interesse di tutti i condomini deve essere proporzionalmente distribuito tra di essi e non deve finire per gravare esclusivamente sul singolo condomino, la cui proprietà esclusiva sia risultata menomata a seguito e per effetto della realizzazione delle opere dirette a consolidare l'edificio condominiale ...
Infiltrazioni - Il terzo contro cui agisce il danneggiato è obbligato a risarcire integralmente il danno e poi eventualmente può esercitare azione di regresso nei confronti del condominio
Il condominio, sebbene privo di soggettività giuridica, è un autonomo centro di imputatone di interessi che non si identifica con i singoli condomini. Da ciò consegue che in tema di responsabilità extracontrattuale, se il danno subito da un condomino è causalmente imputabile al concorso del condominio e di un terzo, ...
Sfratto » Se il proprietario non occupa l'immobile dopo sei mesi dal rilascio l'ex affittuario ha diritto al risarcimento danni
Deve esserci il risarcimento dei danni per il conduttore (ex affittuario) che ha subito lo sfratto, qualora il locatore (proprietario) non provi che, passati sei mesi, non abbia ancora occupato l'immobile per una giusta causa. Infatti, al locatore, spetta dimostrare l'esistenza a suo favore di una giusta causa, meritevole di ...
Le spese giudiziali per il recupero del credito possono essere poste a totale carico del condomino moroso
È legittima la delibera dell'assemblea condominiale che ponga a totale carico del condomino le spese processuali liquidate dal giudice nei confronti dello stesso condomino moroso con un decreto ingiuntivo provvisoriamente esecutivo. Invece, è affetta da nullità la delibera dell'assemblea condominiale che incida sui diritti individuali di un condomino, come quella ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su risarcimento danni al proprietario dell'appartamento sottostante - ma se poi questi viene indennizzato dall'assicurazione condominiale?. Clicca qui.

Stai leggendo Risarcimento danni al proprietario dell'appartamento sottostante - Ma se poi questi viene indennizzato dall'assicurazione condominiale? Autore Ludmilla Karadzic Articolo pubblicato il giorno 26 settembre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 18 maggio 2017 Classificato nella categoria il condominio Inserito nella sezione giurisprudenza.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca