Condominio risarcimento danni ed ingiustificato arricchimento

Chi, senza una giusta causa, si è arricchito a danno di un’altra persona è tenuto, nei limiti dell’arricchimento, a indennizzare quest’ultima della correlativa diminuzione patrimoniale. Costituiscono elementi costitutivi di tale fattispecie l’arricchimento a favore di un soggetto, l’impoverimento subito da un altro soggetto, il nesso di correlazione tra i predetti due requisiti, l’assenza di una giusta causa dell’arricchimento, la mancanza di qualsiasi altra azione in favore dell’impoverito per ottenere la reintegrazione patrimoniale.

Tuttavia, perché possa configurarsi il diritto all’indennizzo per ingiustificato arricchimento in danno altrui é necessario che l’impoverimento e l’arricchimento derivino, in via immediata, dal medesimo fatto con la conseguenza che il fondamento dell’indennizzo viene meno qualora lo spostamento patrimoniale, pur se ingiustificato, tra due soggetti sia determinato da una successione di fatti che hanno inciso su due diverse situazioni patrimoniali soggettive, in modo del tutto indipendente l’uno dall’altro.

Nella fattispecie affrontata dai giudici della Corte di cassazione (sentenza 18878/15) una perdita d’acqua delle tubazioni dell’appartamento di proprietà di A aveva danneggiato l’appartamento sottostante di proprietà di B. Il condomino A aveva provveduto a corrispondere alla ditta esecutrice dei lavori di ripristino dell’appartamento danneggiato, un importo di circa 10 mila euro.

Successivamente, il condomino B si vedeva riconoscere un ulteriore importo a titolo di risarcimento dall’assicurazione condominiale, con conseguente richiesta di restituzione da parte del condomino A di quanto corrisposto alla ditta esecutrice dei lavori di ripristino dell’appartamento di proprietà di B.

A parere dei giudici di legittimità non sussistono gli elementi per poter individuare un ingiustificato arricchimento di B ai danni di A. Nel caso di specie, infatti, manca l’elemento essenziale della identità (e unicità) del fatto causativo dal momento che mentre l’arricchimento era dipeso dal versamento effettuato in favore della danneggiata da parte della compagnia assicuratrice del condominio, l’impoverimento dell’attore era conseguenza del pagamento da lui effettuato in favore della ditta che aveva effettuato i lavori di ripristino, senza che i due danni risarciti (ed i soggetti che avevano effettuato i relativi pagamenti) corrispondessero.

26 Settembre 2015 · Eleonora Figliolia

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Lavori di ristrutturazione del condominio » Per i danni ad un singolo appartamento chi è obbligato al risarcimento danni?
Condominio: chi paga quando i lavori sono fatti male e danneggiano un singolo appartamento. Quando i lavori condominiali creano un danno al singolo appartamento, si crea una complessa catena di responsabilità. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 20557/14. Da ciò che si evince dalla suddetta pronuncia, il proprietario della casa danneggiata dai lavori eseguiti su parti comuni può chiedere, in determinati casi, il risarcimento non solo alla ditta di costruzioni, ma anche all'amministratore e al condominio. Partiamo da un ovvio principio: è noto che, se l'esecuzione di lavori condominiali sulle parti comuni dell'edificio danneggia l'appartamento ...

Quando un condomino è danneggiato dalle opere di consolidamento dell'edificio condominiale
L'onere necessario alla produzione di un'utilità collettiva nell'interesse di tutti i condomini deve essere proporzionalmente distribuito tra di essi e non deve finire per gravare esclusivamente sul singolo condomino, la cui proprietà esclusiva sia risultata menomata a seguito e per effetto della realizzazione delle opere dirette a consolidare l'edificio condominiale pericolante. Infatti, in una situazione di coesistenza di due diritti - quello del condominio ad eseguire le opere, imposte dalla pubblica amministrazione, di consolidamento delle strutture portanti della proprietà comune, da una parte; e quello del singolo condomino a non vedersi menomato nel godimento del proprio diritto di proprietà esclusiva ...

Infortunio per mancata illuminazione nello stabile » Quando il condominio è obbligato al risarcimento danni?
Quando il condominio è responsabile, nell'ottica di un risarcimento danni, per un infortunio subito da un inquilino ed avvenuto all'interno dello stabile? Nessun risarcimento danni all'infortunato, da parte del condominio, se manca l'elemento decisivo, ossia la prova provata che la dinamica dell'episodio abbia avuto il ‘là nel malfunzionamento dell'impianto di illuminazione dello stabile. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 22787/14. Da quanto si evince dalla pronuncia in esame, per un infortunio avvenuto all'interno dello stabile il condominio è tenuto al risarcimento del danno dell'inquilino, a condizione che abbia colpa nell'incidente e tale colpa venga dimostrata ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su condominio risarcimento danni ed ingiustificato arricchimento. Clicca qui.

Stai leggendo Condominio risarcimento danni ed ingiustificato arricchimento Autore Eleonora Figliolia Articolo pubblicato il giorno 26 Settembre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 8 Dicembre 2018 Classificato nella categoria il condominio

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)