Condominio ristrutturato » Responsabilità danni a singolo appartamento

Condominio: chi paga quando i lavori sono fatti male e danneggiano un singolo appartamento.

Quando i lavori condominiali creano un danno al singolo appartamento, si crea una complessa catena di responsabilità.

Questo, in sintesi, l’orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 20557/14.

Da ciò che si evince dalla suddetta pronuncia, il proprietario della casa danneggiata dai lavori eseguiti su parti comuni può chiedere, in determinati casi, il risarcimento non solo alla ditta di costruzioni, ma anche all’amministratore e al condominio.

Partiamo da un ovvio principio: è noto che, se l’esecuzione di lavori condominiali sulle parti comuni dell’edificio danneggia l’appartamento di un singolo condomino, quest’ultimo può agire, per ottenere il risarcimento danni, nei confronti della ditta appaltatrice per la condotta poco diligente.

A parere degli Ermellini, però, in determinati casi, è possibile richiedere il risarcimento danni anche al condominio, in qualità di committente, e all’amministratore.

Secondo quanto disposto dai giudici del Palazzaccio, infatti, per danni provocati alle proprietà privata nel corso di lavori di rifacimento di parti condominiali, si crea una complessa catena di responsabilità.

Innanzitutto, risponde l’impresa di costruzioni, se essa svolge la propria prestazione normalmente in piena autonomia, utilizzando i mezzi che ritiene adeguati.

Dopodiché, la responsabilità ricade sul condominio, se l’impresa di costruzioni si limita a eseguire, senza margini di autonomia, le istruzioni che riceve dall’appaltante, oppure se ha colpa per aver affidato i lavori a un’impresa che palesemente difetta delle necessarie capacità tecniche.

Infine, la colpa viene scaricata sull’amministratore quando viene meno al proprio dovere di controllare la corretta esecuzione dei lavori da parte dell’impresa.

La Corte chiarisce, infine, che, per il risarcimento danni, è possibile che i soggetti interessati (impresa, condominio e amministratore) vengano condannati, per i danni arrecati, in via solidale tra loro.

In parole povere, il condomino danneggiato potrà chiedere l’integrale pagamento indifferentemente a uno solo dei tre oppure per quote a ciascuno di essi.

5 Novembre 2014 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Infortunio per mancata illuminazione nello stabile » Quando il condominio è obbligato al risarcimento danni?
Quando il condominio è responsabile, nell'ottica di un risarcimento danni, per un infortunio subito da un inquilino ed avvenuto all'interno dello stabile? Nessun risarcimento danni all'infortunato, da parte del condominio, se manca l'elemento decisivo, ossia la prova provata che la dinamica dell'episodio abbia avuto il ‘là nel malfunzionamento dell'impianto di illuminazione dello stabile. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 22787/14. Da quanto si evince dalla pronuncia in esame, per un infortunio avvenuto all'interno dello stabile il condominio è tenuto al risarcimento del danno dell'inquilino, a condizione che abbia colpa nell'incidente e tale colpa venga dimostrata ...

Risarcimento danni al proprietario dell'appartamento sottostante - Ma se poi questi viene indennizzato dall'assicurazione condominiale?
Chi, senza una giusta causa, si è arricchito a danno di un'altra persona è tenuto, nei limiti dell'arricchimento, a indennizzare quest'ultima della correlativa diminuzione patrimoniale. Costituiscono elementi costitutivi di tale fattispecie l'arricchimento a favore di un soggetto, l'impoverimento subito da un altro soggetto, il nesso di correlazione tra i predetti due requisiti, l'assenza di una giusta causa dell'arricchimento, la mancanza di qualsiasi altra azione in favore dell'impoverito per ottenere la reintegrazione patrimoniale. Tuttavia, perché possa configurarsi il diritto all'indennizzo per ingiustificato arricchimento in danno altrui é necessario che l'impoverimento e l'arricchimento derivino, in via immediata, dal medesimo fatto con la ...

Infiltrazioni - Il terzo contro cui agisce il danneggiato è obbligato a risarcire integralmente il danno e poi eventualmente può esercitare azione di regresso nei confronti del condominio
Il condominio, sebbene privo di soggettività giuridica, è un autonomo centro di imputatone di interessi che non si identifica con i singoli condomini. Da ciò consegue che in tema di responsabilità extracontrattuale, se il danno subito da un condomino è causalmente imputabile al concorso del condominio e di un terzo, al condomino che abbia agito chiedendo l'integrale risarcimento dei danni solo nei confronti del terzo, il risarcimento non può essere diminuito in ragione del concorrente apporto casuale colposo imputabile al condominio. Si applica infatti, in una tale circostanza, quanto stabilito dall'articolo 2055 del codice civile che prevede la responsabilità solidale ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su condominio ristrutturato » responsabilità danni a singolo appartamento. Clicca qui.

Stai leggendo Condominio ristrutturato » Responsabilità danni a singolo appartamento Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 5 Novembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 18 Maggio 2017 Classificato nella categoria il condominio

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Sabrinacondomina 11 Maggio 2015 at 01:42

    Sono proprietaria di un appartamento che ha subito dei danni a causa di lavori per il rifacimento della facciata. Il condominio, in assemblea, ha riconosciuto i danni e li ha quantificati in €3.000, 00. Non è stata decisa però la ripartizione delle spese. Dovrò anch’io essere considerata nella ripartizione? E, inoltre, la ripartizione delle spese è in millesimi?

    • Ornella De Bellis 11 Maggio 2015 at 05:02

      Anche lei fa parte del condominio ed in quanto tale, in relazione alla quota di millesimi attribuitale, dovrà partecipare al risarcimento.