Condizioni di liberazione del fideiussore da una obbligazione futura

Condizioni di liberazione del fideiussore da una obbligazione futura

Il nostro ordinamento prevede (articolo 1956 codice civile) che il fideiussore (garante) per un’obbligazione futura (omnibus) è liberato quando il creditore garantito (la banca), senza speciale autorizzazione del fideiussore, ha fatto credito al terzo debitore principale (in favore del quale è stata prestata la fideiussione), pur conoscendo che le condizioni patrimoniali di quest’ultimo erano divenute tali da rendere notevolmente più difficile il rimborso del credito concesso.

La norma è finalizzata ad evitare che il fideiussore possa essere gravato da una obbligazione in presenza di un peggioramento delle condizioni economiche e finanziarie del debitore principale in favore del quale egli prestò la fideiussione omnibus.

Al fine di valutare se il fideiussore si sia liberato dall’obbligazione di garanzia per un’obbligazione futura ex articolo 1956 del codice civile, rileva che, in assenza di specifica autorizzazione del fideiussore, il creditore abbia concesso credito al terzo debitore principale nella consapevolezza del mutamento delle condizioni patrimoniali di quest’ultimo, tali da rendere notevolmente più difficile il soddisfacimento del credito concesso da parte del fideiussore, in occasione di un prevedibile inadempimento del debitore principale.

Pertanto, sul creditore che abbia consapevolmente concesso credito in una situazione di obiettivo peggioramento delle condizioni patrimoniali del terzo debitore principale, senza avere acquisito una specifica autorizzazione del fideiussore, grava l’onere probatorio circa il suo esatto adempimento, secondo il criterio di persona scrupolosa che opera secondo i criteri della prevedibilità e dell’evitabilità dell’aggravamento della posizione debitoria del terzo debitore principale garantito.

Si tratta del principio di diritto enunciato dai giudici della Corte di cassazione con ordinanza 32774/2019.

22 Dicembre 2019 · Annapaola Ferri

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Fideiussione per obbligazione futura - Quando è possibile recedere
Il fideiussore per un'obbligazione futura è liberato se il creditore, senza speciale autorizzazione del fideiussore, ha fatto credito al terzo, pur conoscendo che le condizioni patrimoniali di questo erano divenute tali da rendere notevolmente più difficile il soddisfacimento del credito. Il fideiussore che chiede la liberazione della prestata garanzia invocando la disposizione del codice civile appena riportata (articolo 1956), ha l'onere di provare che successivamente alla prestazione della fideiussione per obbligazioni future, il creditore, senza la sua autorizzazione, abbia fatto credito al terzo pur essendo consapevole dell'intervenuto peggioramento delle sue condizioni economiche. In particolare, se nell'ambito di un rapporto di ...

Quando il fideiussore è liberato dall'onere dell'obbligazione futura - La fideiussione inserita in un contratto di locazione
Il fideiussore (il soggetto che dovrà rimborsare il debito in caso di inadempimento del debitore vero e proprio, indicato come principale) per un'obbligazione futura è liberato se il creditore (il soggetto in favore del quale viene prestata la fideiussione futura), senza speciale autorizzazione del fideiussore ha fatto credito al debitore principale (il soggetto che può incorrere nell'inadempimento), pur conoscendo che le condizioni patrimoniali di questo erano divenute tali da rendere notevolmente più difficile il soddisfacimento del credito (articolo 1956 del codice civile). In pratica, la norma è finalizzata ad evitare che il fideiussore possa essere gravato da una obbligazione che ...

Fideiussione per obbligazioni future e liberazione del garante
Com'è noto, l'articolo 1956 del codice civile dispone il fideiussore per un'obbligazione futura è liberato se il creditore, senza speciale autorizzazione del fideiussore, ha fatto credito al terzo, pur conoscendo che le condizioni patrimoniali di questo erano divenute tali da rendere notevolmente più difficile il soddisfacimento del credito. Tuttavia, il socio che abbia prestato fideiussione per ogni obbligazione futura di una società a responsabilità limitata, esonerando l'istituto bancario creditore dall'osservanza dell'onere impostogli dall'articolo 1956 del codice civile, non può invocare, per ottenere la propria liberazione nonostante la sottoscritta clausola di esonero, la violazione dei principi di correttezza e buona fede ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su condizioni di liberazione del fideiussore da una obbligazione futura. Clicca qui.

Stai leggendo Condizioni di liberazione del fideiussore da una obbligazione futura Autore Annapaola Ferri Articolo pubblicato il giorno 22 Dicembre 2019 Ultima modifica effettuata il giorno 15 Settembre 2020 Classificato nella categoria Article schema org

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)