Comodato d'uso di un immobile » il proprietario può risolvere il contratto se la destinazione del bene è dubbia

Il proprietario dell'immobile può risolvere il contratto di comodato d'uso se la destinazione del bene non è chiara.

Con il contratto di comodato, il proprietario concede gratuitamente a terzi il diritto di uso del bene proprio e, quindi, soprattutto quando si tratti di un immobile, la sussistenza di una effettiva volontà di assoggettare il bene a vincoli e a destinazioni d'uso particolarmente gravosi non può essere presunta, ma deve essere positivamente accertata. Nel dubbio, va adottata la soluzione più favorevole alla cessazione del vincolo.

E' quanto emerge dalla sentenza 24838/14 della Corte di Cassazione.

Da quanto si apprende dalla suddetta pronuncia, è legittima la richiesta di risoluzione, avanzata dal proprietario, di un comodato d'uso inerente un immobile, se la destinazione dello stesso non è chiara.

A parere degli Ermellini, infatti, nel contratto di comodato, il proprietario concede gratuitamente a terzi il diritto di uso del bene proprio e, soprattutto quando si tratti di un immobile, la sussistenza di una effettiva volontà di assoggettare il bene a vincoli e a destinazioni d'uso particolarmente gravosi non può essere presunta, ma deve essere positivamente accertata.

Nel dubbio, va adottata la soluzione più favorevole alla cessazione del vincolo, considerato anche il sospetto ed il disfavore con cui l'ordinamento considera i trasferimenti gratuiti di beni e di diritti sui beni.

In parole povere, il comodatario, per continuare a godere del bene, deve provare che la destinazione d'uso, dello stesso, sia quella pattuita nel contratto redatto con il comodante.

Al contrario, il proprietario del bene è legittimato a risolvere il contratto di comodato.

Per quanto riguarda il comodato d'uso di un immobile, ad esempio, si pensi ad una madre che lasci un appartamento al figlio per viverci con la propria moglie. In quel caso il comodato è concesso purché la casa sia adibita ad abitazione coniugale.

Qualora, però, sussista una separazione personale tra i coniugi, con immobile in affidamento alla moglie, non si soddisfano più i requisiti per il comodato.

Dunque, in tale, fattispecie, il contratto può essere risolto.

25 novembre 2014 · Andrea Ricciardi

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

donazioni e comodati

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su comodato d'uso di un immobile » il proprietario può risolvere il contratto se la destinazione del bene è dubbia. Clicca qui.

Stai leggendo Comodato d'uso di un immobile » il proprietario può risolvere il contratto se la destinazione del bene è dubbia Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 25 novembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria donazioni e comodati Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca