Come il creditore può dimostrare accettazione tacita dell'eredità da parte del debitore

Se il chiamato all'eredità è un debitore, il suo creditore ha spesso interesse alla trascrizione dell'accettazione dell'eredità per poter portare a termine l'azione esecutiva.

Per quanto riguarda l'accettazione esplicita, o espressa, dell'eredità, essa opera in base alla dichiarazione del chiamato contenuta in un atto pubblico ovvero in una scrittura privata con sottoscrizione autenticata o accertata giudizialmente.

L'accettazione tacita dell'eredità consiste, invece, nel compimento di atti che presuppongono necessariamente la volontà di accettare e che il chiamato non avrebbe diritto di compiere se non nella qualità di erede.

In via generale, gli atti che, secondo la legge o secondo la giurisprudenza, comportano accettazione tacita dell'eredità, non sempre saranno contenuti in un atto pubblico o in una scrittura privata autenticata, potendo consistere anche in comportamenti concludenti, come, ad esempio, il possesso dei beni ereditari non seguito da inventario o la sottrazione di beni ereditari.

Per di più, va anche considerato che la giurisprudenza di legittimità tende ad escludere che valgano come accettazione tacita la dichiarazione di successione ed il pagamento della relativa imposta, trattandosi di adempimenti con finalità fiscali. Mentre, la giurisprudenza riconosce univocamente alla voltura catastale, a differenza che alla dichiarazione di successione, la valenza di atto di accettazione tacita dell'eredità, in quanto avente rilevanza, non solo fiscale, ma anche civile.

Concludendo, in assenza di documentazione idonea, non si potrà procedere immediatamente alla trascrizione dell'accettazione su richiesta del creditore. La trascrizione dell'accettazione sarà possibile solo a seguito di sentenza che accerti l'acquisto della qualità di erede e di beni ereditari, sulla base di atti aventi valore di accettazione tacita.

Così i giudici di legittimità nella sentenza numero 11638 del 26 maggio 2014.

30 maggio 2014 · Annapaola Ferri

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Con la trascrizione dell'accettazione tacita effettuata contestualmente alla vendita di un immobile della massa ereditaria il chiamato consegue un notevole risparmio di costi
L'accettazione è tacita quando il chiamato all'eredità compie un atto che presuppone necessariamente la sua volontà di accettare e che non avrebbe il diritto di fare se non nella qualità di erede. L'accettazione tacita presuppone, quindi, l'esplicazione di un'attività personale del chiamato, con la quale venga posto in essere un ...
La riscossione dei canoni di locazione integra accettazione tacita dell'eredità
L'accettazione tacita di eredità, che si ha quando il chiamato all'eredità compie un atto che presuppone la sua volontà di accettare e che non avrebbe diritto di compiere se non nella qualità di erede, può essere desunta anche dal comportamento del chiamato, che abbia posto in essere una serie di ...
Presentare la dichiarazione dei redditi per conto del defunto comporta accettazione tacita dell'eredità
Il diritto di accettare l'eredità si prescrive in dieci anni e il termine decorre dal giorno dell'apertura della successione. Tuttavia, i chiamati che hanno rinunciato all'eredità possono sempre accettarla, anche tacitamente, se non è già stata acquistata da altri chiamati e senza pregiudizio per i diritti acquisiti da terzi sui ...
Non vi è accettazione tacita dell'eredità se il chiamato adempie ad un obbligo del defunto con denaro proprio e non con quello prelevato dall'asse ereditario
In tema di successioni per causa di morte, il pagamento del debito del defunto ad opera del chiamato all'eredità, a differenza di un mero adempimento dallo stesso eseguito con denaro proprio, configura un'accettazione tacita, non potendosi estinguere un debito ereditario se non da colui che agisce quale erede. A tal ...
Quando il pagamento di un debito del defunto configura accettazione tacita dell'eredità
In tema di successioni per causa di morte, un pagamento transattivo del debito del de cuius, ad opera del chiamato all'eredità, configura un'accettazione tacita dell'eredità, non potendosi transigere un debito ereditario se non da colui che agisce quale erede. Ma, lo stesso adempimento eseguito con denaro proprio, ed in epoca ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su come il creditore può dimostrare accettazione tacita dell'eredità da parte del debitore. Clicca qui.

Stai leggendo Come il creditore può dimostrare accettazione tacita dell'eredità da parte del debitore Autore Annapaola Ferri Articolo pubblicato il giorno 30 maggio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria accettazione e rinuncia eredità - accettazione con beneficio di inventario Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • elisa1982 26 aprile 2015 at 10:21

    Nell’ottobre del 2013 viene a mancare un mio zio senza figli: le eredi sono quindi mia madre e mia zia. Un mesetto dopo troviamo un finanziamento che a mio avviso era assicurato visto un importo altissimo di assicurazione. Contatto la finanziaria che mi chiede i vari documenti e invio tutto.

    Nel frattempo passano i mesi tra una comunicazione e l’altra e continuano a chiedere le rate che non paghiamo, viene fuori che era assicurato per tante cose ma non per la morte. Tutto passa in mano al recupero crediti. Credendo che fosse assicurato abbiamo forse sottovalutato il problema. Lui possedeva solo una macchina che al momento non abbiamo toccato. Quindi siamo in attesa per fare la rinuncia all’eredità anche se mi pare di aver capito che sono passati i 3 mesi gusto? Ora ricevo dalla assicurazione un rimborso per il premio non goduto: se lo incassiamo risulta come una eredita’?

    • Annapaola Ferri 26 aprile 2015 at 12:09

      L’accettazione (o la rinuncia) dell’eredità deve avvenire entro tre mesi e quaranta giorni (tre mesi per fare l’inventario e 40 giorni per decidere) dall’apertura della successione, nel caso in cui il chiamato sia in possesso dei beni ereditari. Diversamente si può accettare (o rinunciare) all’eredità entro il termine di prescrizione decennale del diritto.

      Incassare il rimborso del premio non goduto, relativo all’assicurazione RC auto del defunto, implica accettazione tacita dell’eredità. Una volta incassato il premio, non sarà più possibile rinunciare all’eredità.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca