Dichiarazione dei redditi – Codice fiscale

Cos’è il Codice Fiscale?

Il Codice Fiscale contiene i dati relativi al nome, alla data e al luogo di nascita dell’individuo.

È rilasciato gratuitamente dall’Ufficio locale dell’Agenzia delle Entrate e serve al Ministero dell’Economia e delle Finanze per identificare gli individui ai fini fiscali.

Attenzione: ai cittadini stranieri che entrano in Italia per motivi di lavoro, le autorità consolari rilasciano il Codice Fiscale al momento del rilascio del visto d’ingresso.

Come posso ottenerlo?

Devi avere:

  • permesso di soggiorno valido; se il permesso di soggiorno è in fase di rinnovo, si può presentare il permesso scaduto insieme alla ricevuta di richiesta del rinnovo (rilasciata dalla Questura oppure dalle Poste);
  • fotocopia del passaporto;
  • documento valido d’identità.

A questo punto puoi recarti all’ufficio locale dell’Agenzia delle Entrate e compilare un modulo, la tessera ti verrà recapitata direttamente a casa.

Per i neonati basta il certificato di nascita o la relativa autocertificazione del genitore.

A cosa serve il Codice Fiscale?

  • Per l’iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale;
  • per essere assunti come lavoratori dipendenti;
  • per iniziare un’attività lavorativa autonoma;
  • per concludere contratti;
  • per aprire un conto corrente bancario o postale.

Se lo perdo?

Puoi chiedere un duplicato presso lo stesso ufficio locale dell’Agenzia delle Entrate, oppure:

  • presso uno dei videoterminali self-service degli uffici locali dell’Agenzia;
  • sul sito Internet www.agenziaentrate.it.

Dopo qualche giorno di attesa il nuovo tesserino ti arriverà per posta prioritaria.

Attenzione: Se cambi residenza, devi recarti presso l’Ufficio locale dell’Agenzia delle Entrate per comunicare i nuovi dati, con un documento di identità che riporta la nuova residenza o compilando un’autocertificazione.

8 Gennaio 2009 · Antonio Scognamiglio

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Accertamento fiscale tramite redditometro » Rate del mutuo sproporzionate rispetto alla dichiarazione dei redditi? Da provare gli esborsi del genitore
Accertamento fiscale con redditometro: se le rate del mutuo che il contribuente paga sono incongrue, rispetto alla dichiarazione dei redditi, va dimostrato che a onerarle è stato un familiare. Scatta il “redditometro” se il contribuente non dimostra, mediante idonea documentazione, che i soldi per comprare la casa li ha messi il padre. A tal fine non è utile la copia fotostatica di un assegno privo di data certa. È quanto emerge dalla sentenza 24586/14 della Corte di Cassazione. Da ciò che si apprende dalla pronuncia appena esplicata, dunque, è valido l'accertamento fiscale se le rate del mutuo sono sproporzionate rispetto ...

Dichiarazione dei redditi – Assistenza fiscale scadenze e sanzioni
Chi presenta la dichiarazione al proprio sostituto d'imposta deve consegnare:  il Mod. 730 già compilato. Il contribuente in questo caso non deve esibire la documentazione tributaria relativa alla dichiarazione;  il Mod. 730-1, in busta chiusa; il modello riporta la scelta per destinare l'8 per mille e il 5 per mille dell'IRPEF. Può anche essere utilizzata una normale busta di corrispondenza indicando "Scelta per la destinazione dell'otto e del cinque per mille dell'IRPEF ", il cognome, il nome e il codice fiscale del dichiarante. Il contribuente deve consegnare la scheda anche se non esprime nessuna scelta, indicando il codice fiscale e ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su dichiarazione dei redditi – codice fiscale. Clicca qui.

Stai leggendo Dichiarazione dei redditi – Codice fiscale Autore Antonio Scognamiglio Articolo pubblicato il giorno 8 Gennaio 2009 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria immigrazione e integrazione

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)