Chiusura d'ufficio delle partite IVA inattive negli ultimi tre anni

Chiusura d'ufficio delle partite IVA inattive negli ultimi tre anni

Con il provvedimento del 3 dicembre 2019, l’Agenzia delle Entrate comunica che è stata disposta la chiusura d’ufficio delle partite IVA che risultano non aver esercitato, nelle tre annualità precedenti, attività di impresa ovvero attività artistiche o professionali, sulla base dei dati e degli elementi in suo possesso.

Le partite IVA sono state individuate sulla base di riscontri automatizzati con le informazioni disponibili in Anagrafe Tributaria, volti a identificare i soggetti titolari di partita IVA che nelle tre annualità precedenti non hanno presentato, se dovuta, la dichiarazione IVA o dei redditi di lavoro autonomo o d’impresa.

A ciascun soggetto individuato come presumibilmente inattivo è stata inviata, mediante lettera raccomandata con avviso di ricevimento (AR), la comunicazione preventiva di chiusura d’ufficio della partita IVA.

Il contribuente che ravvisi elementi non considerati o valutati erroneamente, relativamente alla comunicazione di chiusura della partita IVA, può rivolgersi, entro 60 giorni dalla sua ricezione, ad un qualsiasi ufficio territoriale dell’Agenzia delle entrate e fornire chiarimenti circa la propria posizione fiscale di soggetto attivo ai fini IVA. Il soggetto diverso da persona fisica che non ritenga corretta la contestuale estinzione del codice fiscale, potrà rivolgersi agli uffici dell’Agenzia delle entrate per richiederne, motivatamente, la riattivazione.

Gli uffici, verificate le argomentazioni e la documentazione prodotta dal contribuente, possono archiviare la comunicazione di chiusura della partita IVA, mantenendo il soggetto in stato di attività, oppure rigettare l’istanza con motivato diniego.

Si ricorda che l’articolo 35, comma 15 quinquies del Decreto del Presidente della Repubblica (DPR) 633/1972, dispone che l’Agenzia delle entrate deve procedere d’ufficio alla chiusura delle partite IVA dei soggetti che, sulla base dei dati e degli elementi in suo possesso, risultano non aver esercitato nelle tre annualità precedenti attività di impresa ovvero attività artistiche o professionali.

2 Gennaio 2020 · Giorgio Valli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Argomenti correlati: 

Approfondimenti

Chiudere una partita IVA rimasta inattiva - Come fare?
Le Partite IVA inattive saranno chiuse d'ufficio (Provvedimento Agenzia delle Entrate 1415522/2019): l'Agenzia delle Entrate ha annunciato l'intenzione, a partire dal 3 dicembre 2019, di procedere con la chiusura d'ufficio delle Partite IVA dei soggetti che sulla base dei dati e degli elementi in suo possesso risultano non aver esercitato, nelle tre annualità precedenti, attività di impresa ovvero attività artistiche o professionali. Tali Partite IVA saranno individuate sulla base di riscontri automatizzati con le informazioni disponibili in Anagrafe Tributaria, volti a identificare i soggetti che nelle tre annualità precedenti non hanno presentato, se dovuta, la dichiarazione IVA o dei redditi ...

Legge 3/2012 (salva suicidi) per la composizione delle crisi da sovraindebitamento e piano del consumatore per debiti cosiddetti misti ovvero derivanti anche da attività imprenditoriale
Vorrei presentare il piano del consumatore nell'ambito della legge 3/2012 per la composizione delle crisi da sovraindebitamento: sono una persona fisica e fino a 3 anni fa avevo una srl di cui ero amministratore. A favore della società avevo contratto un mutuo con mia fideiussione e ho 3 finanziamenti personali di cui un mutuo ipotecario regolarmente in ammortamento, ma purtroppo per cause che non sto a qui a dire ho smesso di pagare le 2 finanziarie. Vorrei presentare il piano del consumatore perché comunque sarei un soggetto non fallibile, ho ceduto le quote societarie 3 anni fa e sono un ...

Assegni scoperti con scadenza in un periodo di chiusura attività causa emergenza sanitaria per coronavirus
In un momento di chiusura attività causa coronavirus, per gli assegni impagati, visto l'obbligo della copertura nei 60 giorni previo protesto chi può proporre una sospensione del deposito visto che nessuna impresa riuscirà a coprire entro i 60 giorni i titoli? Cosa fare ? ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su chiusura d'ufficio delle partite iva inattive negli ultimi tre anni. Clicca qui.

Stai leggendo Chiusura d'ufficio delle partite IVA inattive negli ultimi tre anni Autore Giorgio Valli Articolo pubblicato il giorno 2 Gennaio 2020 Ultima modifica effettuata il giorno 14 Settembre 2020 Classificato nella categoria Article schema org Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Anonimo 21 Febbraio 2020 at 20:35

    Posso aprire una nuova partita Iva. Se ho debiti con ufficio entrate da una partita IVA chiusa

    • Ludmilla Karadzic 22 Febbraio 2020 at 11:48

      Certamente, anche con una nuova partita IVA quello che rimane immutato è, infatti, il codice fiscale del debitore.