Bonus bebè e Bonus mamma domani anche alle extracomunitarie

Bonus bebè e Bonus mamma domani anche alle extracomunitarie

Con Ordinanza 6019/2017, il Tribunale di Milano ha accolto il ricorso delle associazioni APN (Avvocati Per Niente), ASGI (Associazione per gli Studi Giuridici sull’Immigrazione) e Fondazione Giulio Piccini ONLUS contro l’INPS avverso le disposizioni in materia di Bonus bebè e Bonus mamma domani, nella parte in cui è stato limitato l’accesso al beneficio economico ad alcune categorie di donne straniere e precisamente alle donne titolari del permesso di soggiorno UE per soggiornante di lungo periodo, della carta di soggiorno o della carta di soggiorno permanente.

Con la citata ordinanza è stato ordinato all’INPS di eliminare la condotta discriminatoria attraverso l’estensione dei benefici assistenziali denominati Bonus bebè e Bonus mamma domani a tutte le future madri regolarmente presenti in Italia che ne facciano domanda e che siano titolari del permesso di soggiorno UE per soggiornante di lungo periodo, della carta di soggiorno o della carta di soggiorno permanente.

Pertanto, le istanze presentate per Bonus bebè e Bonus mamma domani dalle straniere regolarmente presenti in Italia, in precedenza respinte, saranno oggetto di riesame alla luce dell’Ordinanza 6019/2017 del Tribunale di Milano.

L’INPS aggiunge che i premi verranno corrisposti con riserva di restituzione se, all’esito del giudizio di impugnazione del citato provvedimento giudiziale da parte dell’Istituto, emergerà un diverso orientamento giurisprudenziale. Certamente sarà difficile recuperare i premi erogati alle straniere se nei successivi gradi di giudizio emergesse che non ne hanno diritto.

15 Febbraio 2018 · Patrizio Oliva

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali estende il bonus bebé anche ai familiari extracomunitari di cittadini UE - Per fruire del bonus bebé è sufficiente che siano in possesso di un permesso di soggiorno
Com'è noto, nell'ambito degli interventi normativi volti a sostenere i redditi delle famiglie la legge di stabilità per il 2015 ha previsto, per ogni figlio nato o adottato tra il 1° gennaio 2015 ed il 31 dicembre 2017, un assegno annuo di importo pari a 960 euro (bonus bebé) da corrispondere mensilmente fino al terzo anno di vita del bambino, a condizione che il nucleo familiare di appartenenza del genitore richiedente si trovasse in una situazione economica corrispondente ad un valore dell'ISEE non superiore ai 25 mila euro annui. Per i nuclei familiari in possesso di un ISEE non superiore ...

Bonus Bebè Isee e nucleo familiare - il nascituro vivrà con la mamma ed i nonni materni mentre il papà non convive con il minore
Io e la mia compagna aspettiamo un bebè,non siamo sposati e non abbiamo la stessa residenza: io faccio residenza da solo, lei con la sua famiglia e lavoriamo entrambi. Il bimbo sarà nello stato di famiglia della mamma? La domanda per il bonus bebè deve presentarla la mamma? Nel caso affermativo, i componenti del nucleo ai fini isee saranno i nonni materni, la mamma, ed anche il papà? Nel caso in cui può presentarla il papà, i componenti del nucleo ai fini Isee saremmo io e la mia compagna? ...

Contributi per le ragazze madri » Tutte le informazioni utili per il bonus bebè
Nell'articolo che segue, scopriamo quali sono i benefici e vantaggi per chi accede al contributo del bonus bebè per l'anno 2017. Per quanto riguarda il bonus bebè 2017, se questa novità dovesse essere inserita, come probabile, nella manovra finanziaria per l'anno venturo, tutte le persone che ne hanno fatto richiesta nel 2015 potranno continuare a riceverlo senza interruzione nel caso in cui, però, abbiano rinnovato l'ISEE entro il 31 gennaio 2016 dando comunicazione del nuovo dato all'INPS mediante i canali di presentazione relativi alla 1° domanda. Ciò, perché per quei soggetti che invece non sono riusciti a rinnovare l'ISEE entro ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su bonus bebè e bonus mamma domani anche alle extracomunitarie. Clicca qui.

Stai leggendo Bonus bebè e Bonus mamma domani anche alle extracomunitarie Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 15 Febbraio 2018 Ultima modifica effettuata il giorno 20 Ottobre 2020 Classificato nella categoria Article schema org Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Anonimo 12 Febbraio 2019 at 00:31

    BUONGIORNO!!!!

    A novembre 2018 hanno superato i 3.000.000 di sconti, ma in base a cosa?
    Perché se lo sconto è basato sulle loro bollette che sono gonfiate più del doppio, allora SI che è facile fare degli sconti, il difficile è fare degli sconti su prezzi di mercato realmente competitivi. Cosa che in base alla mia esperienza e di molto altri è altamente improbabile per UBROKER.
    Ubroker è ancora conveniente??
    Ma che film avete visto??

    chi ha sconti o bollette azzerate è perché qualcun’altro le sta o le ha pagate care per loro!!!!!

    Chi è attratto dalla possibilità di azzerare la bolletta, ma aspetta prima di condividere con altre persone la cosa, si trova la sorpresa o meglio la mazzata di costi ESAGERATISSIMI!!!. Puntualizziamo una cosa, l’azienda batte molto per la condivisione, ma dice anche che di base non si spenderà più di prima, anzi si risparmierà anche qualcosa. Dichiarazione quasi mai vera, se non solo per alcuni!

    Tutti quei sconti che con tanto orgoglio dichiarano, sono il risultato delle mazzate date ai clienti che hanno sottoscritto la o le forniture e che dopo due o tre bollette cambiano gestore!!!

    La bella magia che dicono di fare è che per ogni persona che mi porti (che fa il contratto luce/gas), ti restituisco l’1% di ogni bolletta e l’esempio semplice fatto è:

    – se CAIO ha 100€ di bolletta ti restituisco 1€. (SE FOSSE REALE SAREBBE FANTASTICO). Ma purtroppo gli asini non volano!

    POCHI PERO‘ SANNO CHE UNA BOLLETTA E’ FATTA DI 20% CONSUMO E 80% TASSE QUINDI, SU 100€ DI BOLLETTA COMPRESA IVA, 80€ CIRCA SONO COSTI FISSI E 20€ E’ QUELLO CHE HO CONSUMATO. L’1% ME LO RESTITUISCONO SU QUEI 20€ CIOE’ MI RITORNANO SOLO 20 CENTESIMI E NON 1 EURO COME VIENE FATTO INTENDERE. QUINDI PER AZZERARE LA MIA BOLLETTA DEVO COINVOLGERE PIU’ DI 500 CLIENTI E NON 100 COME VIENE DETTO.

    SVEGLIAAAAAAAAA!!!!!!!!!

    • Simone di Saintjust 12 Febbraio 2019 at 12:19

      Il contributo di questo anonimo lettore si riferisce a questa discussione nel forum, e non all’articolo in commento. Comunque lo ringraziamo, perchè l’intervento risulterà sicuramente prezioso ed utilissimo a chi consulterà il post: si tratta di considerazioni condivisibili e ragionevoli, benché critiche, ma non diffamatorie. D’altra parte anche l’obiettivo della community uBroker – ovvero far conseguire ai consumatori risparmi sull’importo delle sempre più care bollette di fornitura di energia – ci sembrava condivisibile e, per questo abbiamo ritenuto che la novità meritasse spazio sul nostro blog. Adesso, ciascuno potrà, se lo vorrà, formarsi, liberamente, una propria autonoma opinione sull’argomento.