Bonifico non eseguito e successivo pignoramento del conto corrente

Brutte notizie per i debitori che, nel tentativo di evitare il pignoramento del proprio conto corrente dispongono un bonifico in favore di un soggetto fiduciario. Infatti, qualora la banca non esegue e il creditore pignora successivamente il saldo di conto corrente del debitore, la banca non è tenuta nemmeno a risarcire il danno procurato al correntista.

E’ quanto si evince dalla lettura dell’ordinanza 5152/2018 della Corte di cassazione. A parere dei giudici, se il debito nei confronti del creditore, che ha agito esecutivamente, era già maturato prima della disposizione del bonifico, allora il debitore sottoposto ad azione esecutiva, concretizzatasi nel successivo pignoramento del conto corrente, era perfettamente consapevole di questa esposizione debitoria.

Pertanto, scrivono i giudici nell’ordinanza, al momento della disposizione del bonifico, nel patrimonio del debitore rientravano già i debiti maturati in epoca antecedente alla disposizione del bonifico e fra i rapporti giuridici che compongono il patrimonio rientrano tanto quelli attivi, che comportano un diritto del titolare, quanto quelli passivi, che comportano invece un suo obbligo (al pagamento del debito debito).

Ne consegue, concludono gli estensori dell’ordinanza, che non si è verificato alcun danno al patrimonio del debitore per non avere la banca tempestivamente eseguito la disposizione del bonifico, perché i debiti precedenti al bonifico già gravavano in senso negativo sul patrimonio del ricorrente.

Suggeriamo noi, rivolgendoci ai debitori in odore di pignoramento, di controllare sempre che, nella fase di svuotamento del conto corrente, il bonifico verso il vostro fiduciario vada a buon fine. Oppure di prelevare per tempo le somme in denaro contante da riversare altrove.

8 Marzo 2018 · Simonetta Folliero

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Bonifico ad amico per svuotare conto corrente - La banca non esegue e mi pignorano tutto: posso chiedere danni?
A causa di un debito con un creditore, dopo aver ricevuto l'atto di precetto, per salvaguardare i miei risparmi in banca, ho deciso di svuotare il conto effettuando un bonifico in favore di un mio amico. Non so per quale motivo, però, la banca non ha provveduto in tempo all'esecuzione dell'ordine e nel frattempo, si è presentato l'ufficiale giudiziario per notificare l'atto di pignoramento del conto corrente. Ho subito, così, il blocco di tutte le somme. Posso chiedere il risarcimento in quanto mi è stato provocato un danno per la mancata esecuzione del bonifico? Quali margini di successo potrebbe avere ...

Il creditore non può pignorare i versamenti del debitore finalizzati a ridurre lo scoperto in conto corrente
In tema di pignoramento del conto corrente, il creditore può direttamente pignorare somme che siano nella diretta disponibilità del proprio debitore, ma non può pignorare i singoli versamenti effettuati dal debitore prima e dopo il pignoramento e finalizzati a ridurre lo scoperto di conto corrente. In pratica se il conto corrente è negativo al momento del pignoramento, il creditore non può esigere dalla banca eventuali versamenti effettuati dal debitore, anche dopo il pignoramento, esclusivamente finalizzati a ridurre o ad azzerare il saldo negativo debitore. Per i giudici di legittimità, infatti, eventuali versamenti successivi al pignoramento, finalizzati a ridurre o ad ...

L'ABF ci ripensa » In caso di conto corrente cointestato e pignoramento dell'intero saldo su azione esecutiva promossa verso uno dei cointestatari, il correntista non debitore deve rivolgersi al giudice dell'esecuzione per liberare la propria quota
Il collegio di coordinamento dell'Arbitro Bancario Finanziario, con la decisione 8227/15, ha in parte modificato l'orientamento precedentemente assunto dai collegi di Milano e Napoli (fra le altre vedasi la decisione 740/13) in tema di pignoramento di un conto corrente cointestato in seguito all'azione esecutiva promossa dal creditore nei confronti di uno dei cointestatari. Secondo il collegio di coordinamento, una volta rifluite le rimesse su un conto corrente cointestato, si produce la piena confusione del patrimonio dei cointestatari senza possibilità di distinguere, da parte della banca, il patrimonio personale di ciascuno dei cointestatari, neppure per quote ideali. E, inoltre, in presenza ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su bonifico non eseguito e successivo pignoramento del conto corrente. Clicca qui.

Stai leggendo Bonifico non eseguito e successivo pignoramento del conto corrente Autore Simonetta Folliero Articolo pubblicato il giorno 8 Marzo 2018 Ultima modifica effettuata il giorno 8 Marzo 2018 Classificato nella categoria pignoramento del conto corrente bancario o postale Inserito nella sezione pignoramento

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)