Non avete pagato il bollo auto per tre anni consecutivi? » Rischiate radiazione dal PRA e pesanti sanzioni

Non avete pagato il bollo auto per tre anni consecutivi? » Rischiate radiazione dal PRA e pesanti sanzioni

Secondo la nuova normativa vigente, nell'eventualità di non aver pagato il bollo auto, o tassa automobilistica, per almeno tre anni, si va incontro alla radiazione del mezzo dal PRA (pubblico registro automobilistico), insieme all'aggravante di subite pesanti sanzioni dal punto di vista economico.

Se non viene pagato il Bollo auto da almeno tre anni e, lo stesso, non è caduto in prescrizione, si rischia radiazione dal Pra e di dover rifare l’immatricolazione dell’autovettura.

Il decreto attuativo del Ministero sul codice della strada, farebbe chiarezza sulle incertezze applicative della norma che, fino a questo momento, aveva avuto scarsa applicazione, individuando nelle Regioni la attuale competenza.

Il 23 febbraio 2016 è stato infatti approvato dal Consiglio dei ministri il decreto legislativo volto ad attuare l'unificazione sostanziale tra Motorizzazione e Pra, in applicazione della riforma Madia della PA.

Approfondiamo la vicenda nei paragrafi successivi.

Bollo auto non pagato: sanzioni e radiazione PRA

Ecco, nel dettaglio, quali sono sanzioni e conseguenze nell'eventualità di un bollo auto non pagato consecutivamente per tre anni.

Nella fattispecie in cui il bollo auto non risulti pagato consecutivamente per tre anni, gli uffici della Regione di competenza saranno autorizzati ad avviare il conseguente procedimento della radiazione dell’auto dal Pra, la quale non potrà più circolare, risultando come veicolo inesistente.

La legge in proposito, in realtà,già dal 2010, aveva inserito la disposizione che nel momento dell'accertato mancato pagamento per almeno tre anni consecutivi del bollo auto, l’ente preposto, dopo richiesta di eventuali motivazioni che hanno portato all’inadempimento del pagamento e in assenza di prove da parte dell’automobilista che dimostrino il contrario, è autorizzato a chiedere la cancellazione del veicolo dagli archivi del Pra.

La Motorizzazione Civile interverrà poi successivamente al ritiro della carta di circolazione e delle targhe attraverso gli organi della polizia.

La norma, fino ad oggi, sarebbe stata applicata raramente, non risultando ancora chiara l’autorità competente ad intervenire nelle anomalie del pagamento del bollo auto.

Oggi, sarebbero stati rimossi gli ostacoli e le incertezze applicative della norma, affidando il potere della possibile radiazione delle autovetture degli automobilisti morosi, alle Regioni e non più all’Aci.

Inoltre le possibili sanzioni si aggirerebbero dai 419 euro ai 1.682 insieme alla concomitante e definitiva confisca del veicolo.

È possibile comunque per l'automobilista la contestazione al provvedimento di cancellazione, attraverso apposito ricorso entro trenta giorni al Ministero delle finanze.

Come effettuare il ricorso dalla radiazione del veicolo dal Pra in caso di mancato pagamento del bollo auto

Ecco come effettuare il ricorso dalla radiazione del veicolo dal Pra in caso di mancato pagamento del bollo auto.

La "nuova" norma del codice della strada consente al proprietario del veicolo di presentare ricorso entro 30 giorni dalla radiazione al Ministero delle finanze.

Il ricorso può essere giustificato, ad esempio, dall’intervento della prescrizione per una o più annualità o per l’avvenuto pagamento.

La riforma, però, dovrebbe aver eliminato questa possibilità.

Dunque, l’unico ricorso possibile rimasto è quello alla Commissione Tributaria Provinciale sempre entro 30 giorni.

28 Febbraio 2017 · Andrea Ricciardi


Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) utilizza il form che trovi più in basso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Se il post è stato interessante, condividilo con il tuo account Facebook

condividi su FB

    

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it




Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!