Bollo Auto non pagato

Non sono riuscita a trovare una sezione che parli di problemi legati al mancato pagamento del "Bollo auto"....

Spiego brevemente il mio problema:
3 anno e mezzo fa ho comprato una vecchia macchina, sperando di stare abbastanza bene da partire a cercare lavoro in Francia. Non è stato così e la macchina è rimasta ferma e inutilizzata fino ad oggi nella campagna di una mia amica.

Non avendo capito che il Bollo auto era una tassa sulla proprietà, e avendolo inteso come "bollo di circolazione", non l'ho mai pagato ...

Una stupida, un'ignorante. Chiunque pensi questo di me, ha ragione. So che mi sono cacciata da me in questo problema.

Ora, infatti, scoperto la cosa (da sola) e sono terrorizzata di ricevere notizie che per me sarebbero economicamente drammatiche:
arriverei al pagamento degli arretrati, ma non credo alle more pazzesche di Equitalia che stanno massacrando tutto il paese.

Vorrei quindi fare il necessario, pagare prima di essere "rintracciata" da Equitalia, ma non so come fare, senza "correre rischi"...

Volevo dare via la macchina a qualcuno che ne avesse bisogno per gli incentivi rottamazione, ma ho paura di scatenare la "bufera Equitalia".

Ho pensato anche di farla da me, per bloccare tutto e non creare eventuali problemi a terzi, ma in realtà sembra che comunque diverrebbe una sorta di "autodenuncia" della situazione. Perchè ho letto che alla richesta di rottamazione vengono controllate le pendenze sul veicolo... 

Dunque vorrei cercare di pagare quanto devo, magari facendo valere anche la prescrizione per il primo anno (dal vostro sito ho visto che passato il dicembre dopo il terzo anno, dovrei averne bisogno... ma non so esattamente come fare.

Ma soprattutto, essendo sempre disoccupata e a carico dei Miei (coi quali ho pessimi rapporti) sono terrorizzata oltre che dalla cifra che nel frattempo sarà lievitata, dalle conseguenze che la notizia di questo problema mi causerebbe con loro..

NOn so come fare. Voglio mettere le cose a posto e non avere problemi.
Ho paura anche di collegarmi in internet, perchè mettendo i dati dell'auto per calcolare qualcosa, magari mi auto denuncio: Così che nel caso sia stata "dimenticata" da Equitalia, finisco per attivare le loro procedure .

Io vorrei cercare di pagare IMMEDIATAMENTE per la mia stupidità. Ma essendo squatrinata, il GIUSTO ...

Ho sentito parlare di "condoni per il mancato pagamento" del bollo auto e che dipendono da Regione a Regione. Ma su quello della Sardegna (dove vivo) non sono riuscita a trovarne notizie...

Ho realizzato il problema solo da 2 giorni... e da 2 giorni non dormo, per questa storia....

Spero tanto che qualcuno possa aiutarmi. Non so più dove sbattere la testa.

Grazie in anticipo a chiunque possa in qualche modo aiutarmi.

Marcella

Procediamo per gradi, Marcella. Poi semmai approfondiremo la questione quando, e se, sarà il caso.

1) gli interessi di mora e i diritti di esazione di Equitalia partono dal momento in cui le viene notificata la cartella esattoriale e lei non paga nei canonici 60 giorni. Altrimenti ci sono solo da corrispondere "solo" le "eque" sanzioni regionali per l'omesso pagamento.

2) Dopo tre anni consecutivi di mancato pagamento della tassa, il veicolo deve essere radiato d'ufficio. Dunque, se va male, ci sono tre bolli arretrati da pagare.

La situazione va comunque regolata. La invito a rottamare il veicolo. E, in ogni caso, nessuna autodenuncia.

11 agosto 2010 · Andrea Ricciardi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su bollo auto non pagato. Clicca qui.

Stai leggendo Bollo Auto non pagato Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 11 agosto 2010 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria cartelle esattoriali - domande e risposte del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.

  • massimiliano 8 marzo 2016 at 18:06

    La ringrazio per la gentilezza-
    Che si ostinassero per quel motivo lo avevo immaginato… purtroppo l’italia non cambierà mai…

  • massimiliano 8 marzo 2016 at 17:10

    Quindi, se ho ben capito, oltre ad essere scaduti i termini della prescrizione di 3 anni che la Regione piemonte si ostina a prorogare illecitamente a 5 sarebbero scaduti anche i termini per la notifica della cartella esattoriale e potrei fare ricorso.
    Come dovrei agire? Mi devo avvalere di un legale, di un’associazione consumatori, oppure una semplice raccomandata ?

    • Ornella De Bellis 8 marzo 2016 at 17:30

      Il ricorso non si presenta con una semplice raccomandata. Deve trovare un’associazione di consumatori che le offra supporto tecnico per la presentazione del ricorso. Capirà perché la Regione Piemonte si ostina a prorogare la decadenza a cinque anni: spesso il contribuente è scoraggiato ad agire giudizialmente e preferisce pagare.

  • massimiliano torti 8 marzo 2016 at 16:40

    In data odierna è stata notificata a mia madre una cartella esattoriale di Equitalia in merito a un bollo auto del 2007 con scad. 04/2008.

    Nella cartella si parla di un avviso di notifica effettuato dalla regione in data 15/10/2012.

    In Equitalia mi hanno detto che il termine di prescrizione è di 3 anni, mentre in regione sostengono sia di 5.

    Posso fare ricorso per scadenza dei termini di prescrizione oppure devo pagarla?

    • Ornella De Bellis 8 marzo 2016 at 16:52

      L’azione dell’Amministrazione finanziaria per il recupero delle tasse dovute per effetto dell’iscrizione di veicoli nei pubblici registri (tassa automobilistica o bollo auto) si prescrive con il decorso del terzo anno successivo a quello in cui doveva essere effettuato il pagamento. Nello stesso termine si prescrive il diritto del contribuente al rimborso delle tasse indebitamente corrisposte. Cosi’ dispone l’articolo 5 del decreto legge 953/1982.

      La Corte di cassazione (sentenza 316/14) ha altresi’ ritenuto che la semplice iscrizione a ruolo del debito non interrompe i termini di prescrizione, mentre l’eventuale notifica al debitore (entro il triennio successivo a quello in cui avrebbe dovuto essere effettuato il pagamento della tassa automobilistica) di un avviso di accertamento non immediatamente esecutivo a cura degli uffici regionali preposti alla riscossione, comporta necessariamente che la successiva notifica della cartella esattoriale debba essere perfezionata (in coerenza con quanto disposto dalla lettera c, articolo 25, del dpr 602/73) entro il 31 dicembre del secondo anno successivo a quello in cui l’accertamento e’ divenuto definitivo (ovvero decorsi inutilmente 60 giorni dalla notifica dell’accertamento non immediatamente esecutivo senza che il debitore abbia provveduto all’impugnazione dell’atto o al pagamento del bollo auto).




Cerca