Avviso di accertamento per omessa presentazione della Dichiarazione IMU

Ho letto che l'avviso di accertamento IMU può avvenire anche per omessa presentazione della relativa dichiarazione: in questo caso la prescrizione decorre al termine del 5°anno successivo all'obbligo della presentazione della dichiarazione stessa.

Ad esempio se l'obbligo di presentazione della dichiarazione nacque nel 2015 la prescrizione è decorsa dal 1° gennaio 2022.

Domanda:
Il primo pagamento IMU annuale l'ho fatto nel 2021 senza avere presentato dichiarazione IMU.

Tale pagamento interrompe l'eventuale emissione di avvisi di accertamento per mancata presentazione della dichiarazione per le altre annualità?

Oppure, anche se continuerò a pagare le annualità IMU, le prescrizioni delle annualità non pagate in passato decoreranno comunque sempre con un anno in più rispetto ai 5 anni normali?

Debbo per forza presentare dichiarazione anche se ho iniziato a pagare? Che cosa significa presentare dichiarazione oggi?

L'amministrazione comunale non potrà mai più sanzionarla per omessa presentazione della dichiarazione IMU: il diritto del Comune, ove è ubicato l'immobile, di procedere in tal senso è decaduto il 31 dicembre 2021 (la decadenza per omessa presentazione della dichiarazione è di cinque anni successivi a quello in cui avrebbe dovuto essere presentata la dichiarazione IMU - si tenga conto che la dichiarazione IMU relativa al 2015 va presentata nel 2016).

Tuttavia, dopo il pagamento dell'Imposta Municipale Unica (IMU) effettuata nel 2021 (e che, si presume, proseguirà nel 2022 e negli anni successivi), è possibile che l'Amministrazione comunale si renda conto che non sono state versate le annualità precedenti e notificherà al trasgressore un avviso di accertamento pretendendo il pagamento delle annualità non versate (e non prescritte) negli ultimi cinque anni successivi al primo non pagato.

Ad esempio, ammesso che nel 2022 venisse notificato al proprietario dell'immobile soggetto ad IMU un avviso di accertamento per omesso versamento dell'imposta dovuta, il proprietario sarebbe costretto a versare imposta, interessi e sanzioni per gli anni 2020, 2019, 2018, 2017.

Infatti, non avendo pagato nel 2017, l'avviso di accertamento può essere notificato entro il 31 dicembre 2022, il quinto anno successivo al 2017: poichè nel 2021 e nel 2022 l'imposta risulta regolarmente versata, resteranno da pagare le annualità 2017, 2018, 2019, 2020.

15 Ottobre 2022 · Giorgio Valli




Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) utilizza il form che trovi più in basso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Se il post è stato interessante, condividilo con il tuo account Facebook

condividi su FB

    

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it




Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!