Avvisi di accertamento per TAssa RIfiuti (TARI) anni precedenti e sanzioni

Ho ricevuto degli accertamenti per la Tari che, per una serie di fraintendimenti sul contratto di locazione (sono conduttore dal 2013), non ho mai pagato. Mia colpa, davvero nella ingenua convinzione ci pensasse il proprietario. Considerate che non sapevo nemmeno di dovere fare denuncia di occupazione dell’immobile (per farvi capire quanto fossi inesperto. Nessuno mi disse niente, e quindi andò così).

Insomma: omessa dichiarazione di occupazione, a me non sono mai arrivati altri avvisi né solleciti, e ora mi arrivano in blocco dal 2013 al 2017 con multe annesse.

Vorrei capire, non c’è nessun modo di fare annullare le multe? Nemmeno sulla base del fatto che non mi abbiano chiesto/avvisato PRIMA di erogare le multe, in tutti questi anni? Cioè, possono direttamente erogare una sanzione senza darmi modo prima di rimettermi in regola?

Mi sembra assurdo dover pagare tanto, perché va bene che erano miei doveri, ma come facevo ad ottemperarli se nemmeno sapevo cosa dovevo fare?
Secondo voi fare ricorso mi dà delle possibilità per togliere le sanzioni?

Altra domanda: posso far rettificare il numero di occupanti anche a distanza di tempo? Perché al Comune dicono di no, posso dal 2018, ma per il vecchio quinquennio ormai resta la dichiarazione fatta dal Comune (stimata) di due occupanti per 80 metri quadri (e quindi mi tocca pure pagare di più, ma sono solo io in casa!)

Gli avvisi di accertamento in rettifica e d’ufficio per i tributi locali (qual è la TAssa RIfiuti o TARI) devono essere notificati, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui la dichiarazione o il versamento sono stati o avrebbero dovuto essere effettuati.

Sembrerebbe che l’avviso di accertamento per la tassa relativa al 2013 sia decaduto, ma poichè la dichiarazione di iscrizione poteva essere presentata entro il 20 gennaio dell’anno successivo a quello in cui è iniziata l’occupazione dei locali, cioè entro il 20 gennaio 2014, il Comune è nei termini di decadenza anche per richiedere la tariffa rifiuti relativa al 2013.

Sul resto, dovrebbe conoscere la locuzione latina “Ignorantia legis non excusat” che tradotta vuol dire che chi ignora la legge non è scusato. Per quanto attiene il numero di occupanti si sbrighi a chiedere la variazione del numero di occupanti se, e solo se, l’ufficio preposto alla riscossione della TARI non attinge direttamente e automaticamente i dati dall’anagrafe della popolazione residente. In effetti il numero di componenti della famiglia anagrafica sulla quale è dimensionata la tariffa dovuta dipende dal numero di persone censite come residenti nell’appartamento.

24 Febbraio 2020 · Andrea Ricciardi

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su avvisi di accertamento per tassa rifiuti (tari) anni precedenti e sanzioni. Clicca qui.

Stai leggendo Avvisi di accertamento per TAssa RIfiuti (TARI) anni precedenti e sanzioni Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 24 Febbraio 2020 Ultima modifica effettuata il giorno 22 Marzo 2020 Classificato nella categoria dichiarazione dei redditi tasse tributi contributi - domande e risposte ..

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso rapido anonimo (test antispam)