Assemblea condominiale


(Articolo 1132 – 1135 – 1136 – 1137 – Cod. Civ.)

L’assemblea dei proprietari (condomini) è l’organo sovrano in un condominio. Delibera su tutti i problemi e garantisce una corretta gestione, controlla e organizza una pacifica e funzionale comunità di proprietari. Le deliberazioni prese sono vincolanti per tutti, anche per gli assenti e i dissenzienti, sempre premesso che le maggioranze previste e le disposizioni di legge vengano osservate.
L’assemblea condominiale si occupa prevalentemente dell’amministrazione delle parti comuni e della gestione dei servizi comuni. All’atto della costituzione di un condominio l’assemblea può essere convocata in assenza di una tabella millesimale, la sua validità verrà verificata dopo l’approvazione della stessa.

Per un condominio che non raggiunge il numero minimo di 4 proprietari, trovano applicazione in quanto non in contrasto gli articoli 1105 e 1106 del codice civile, che riguardano la comunione (proprietà comune) in generale. In nessun caso l’assemblea può intromettersi nella sfera privata dei proprietari, almeno che viene autorizzata espressamente dai singoli proprietari o il regolamento contrattuale (vedi >) lo provveda.

In seguito una breve elencazione delle competenze più importanti:

2 Luglio 2008 · Antonio Scognamiglio



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su assemblea condominiale. Clicca qui.

Stai leggendo Assemblea condominiale Autore Antonio Scognamiglio Articolo pubblicato il giorno 2 Luglio 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria il condominio

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)