Assemblea condominiale

(Articolo 1132 - 1135 - 1136 - 1137 - Cod. Civ.)

L'assemblea dei proprietari (condomini) è l'organo sovrano in un condominio. Delibera su tutti i problemi e garantisce una corretta gestione, controlla e organizza una pacifica e funzionale comunità di proprietari. Le deliberazioni prese sono vincolanti per tutti, anche per gli assenti e i dissenzienti, sempre premesso che le maggioranze previste e le disposizioni di legge vengano osservate.
L'assemblea condominiale si occupa prevalentemente dell'amministrazione delle parti comuni e della gestione dei servizi comuni. All'atto della costituzione di un condominio l'assemblea può essere convocata in assenza di una tabella millesimale, la sua validità verrà verificata dopo l'approvazione della stessa.

Per un condominio che non raggiunge il numero minimo di 4 proprietari, trovano applicazione in quanto non in contrasto gli articoli 1105 e 1106 del codice civile, che riguardano la comunione (proprietà comune) in generale. In nessun caso l'assemblea può intromettersi nella sfera privata dei proprietari, almeno che viene autorizzata espressamente dai singoli proprietari o il regolamento contrattuale (vedi >) lo provveda.

In seguito una breve elencazione delle competenze più importanti:

  • nomina e revoca dell'amministratore - articolo 1129 - cod. civ.;
  • conferma e fissazione del compenso dell'amministratore - articolo 1135 - cod. civ.;
  • approvazione del conto consuntivo e delle spese previste per l'esercizio in corso - bilancio di previsione;
  • ripartizione delle spese fra i proprietari;
  • deliberazione per l'esecuzione di lavori di straordinaria manutenzione e eventuale costituzione di un fondo di riserva;
  • approvazione dei lavori di straordinaria manutenzione fatti eseguire dall'amministrazione senza delibera assembleare;
  • deliberazione sui provvedimenti presi dall'amministratore ed eccedenti le sue competenze;
  • approvazione e modifica del regolamento condominiale - articolo 1138 - cod. civ.;
  • scioglimento o divisione del condominio - articolo 61/62 DD.AA. cod. civ.;
  • svolgere una azione legale e resistere in sede di giudizio.

2 luglio 2008 · Antonio Scognamiglio

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

La proprietà esclusiva delle parti comuni di un edificio condominiale può essere provata solo dal contratto di compravendita stipulato con il costruttore
Per vincere la presunzione legale di proprietà comune delle parti dell'edificio condominiale non sono sufficienti il frazionamento, accatastamento, e la relativa trascrizione, eseguiti a domanda del venditore costruttore, della parte dell'edificio in questione, trattandosi di atto unilaterale di per sé inidoneo a sottrarre il bene alla comunione condominiale, dovendosi riconoscere ...
Comproprietà della scala condominiale
Negli edifici in condominio, le scale, con i relativi pianerottoli, costituiscono strutture funzionalmente essenziali del fabbricato e rientrano, pertanto, fra le parti di questo che, in assenza di titolo contrario, devono presumersi comuni nella loro interezza, ed anche se poste concretamente a servizio soltanto di talune delle porzioni dello stabile, ...
Mutuo condominiale » Come ristrutturare le parti in comune
Anche per i condomini oggi è possibile richiedere un mutuo, una soluzione perfetta per affrontare importanti lavori di ristrutturazione e di manutenzione straordinaria: scopriamo come funziona il mutuo condominiale. Un mutuo condominiale deve essere richiesto dall'umanità dell'assemblea condominiale, non sono ammessi voti contrari. L'unanimità è richiesta anche per tutte le ...
Dare del moroso ad un condomino al di fuori dell'assemblea condominiale integra il reato di diffammazione
La critica nei confronti di un condomino può legittimamente estrinsecarsi all'interno di un'assemblea condominiale o nei rapporti con l'amministratore, ma di certo non può legittimare affermazioni offensive rivolte nei confronti di terzi. Soprattutto se la parte lesa, pur non avendo pagato le spese condominiali, sostiene di essere a sua volta ...
I parcheggi, non di proprietà esclusiva, in un garage condominiale o su una parte comune
I parcheggi in un condominio costituiscono spesso motivo di litigio. A norma dell'articolo 1102 del codice civile, tutti i proprietari possono usufruire dei parcheggi esistenti, sempre che l'assemblea condominiale, con deliberazione unanime, non deliberi una diversa disposizione. Se i parcheggi sono insufficienti, può essere introdotta una occupazione a turno. Se ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su assemblea condominiale. Clicca qui.

Stai leggendo Assemblea condominiale Autore Antonio Scognamiglio Articolo pubblicato il giorno 2 luglio 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria il condominio .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca