Assegno presentato fuori termine e comunque scoperto - Protesto segnalazione in CAI e sanzione prefettizia




» Vai all'indice dei contenuti dell'articolo completo



Le daremo la risposta che siamo in grado di dare, dunque, senza alcuna certezza.

Per poter essere protestato e per poter dare avvio alle procedure di segnalazione in CAI e alla revoca di sistema, deve essere presentato nei termini.

Ovvero, entro:

Tuttavia, anche se non presentato nei termini, costituisce sempre titolo esecutivo nei confronti del traente (di chi ha emesso l’assegno); si perde, tuttavia, l’azione di regresso nei confronti dei giranti (cioè, l’azione che viene esperita nei confronti dei giranti, anziché nei confronti di colui che ha emesso l’assegno bancario, per ottenere il pagamento della somma indicata nell’assegno).

Decorsi i termini di presentazione, il traente (colui che ha emesso l’assegno bancario) può dare l’ordine alla Banca di non pagare l’assegno e può disporre altrimenti dei fondi senza incorrere nel reato (ormai depenalizzato) di emissione di assegni a vuoto.

In mancanza di tale ordine, la Banca può pagare ugualmente l’assegno anche dopo la scadenza del termine (articolo 35 regio decreto 1736/33) e, nel caso di mancanza di fondi sufficienti a coprire l’assegno, elevare il protesto e procedere alla segnalazione in CAI cui consegue anche una sanzione irrogata dal Prefetto.



» Vai all'indice dei contenuti dell'articolo completo


12 Ottobre 2012 · Andrea Ricciardi




Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su assegno presentato fuori termine e comunque scoperto - protesto segnalazione in cai e sanzione prefettizia. Clicca qui.

Stai leggendo Assegno presentato fuori termine e comunque scoperto - Protesto segnalazione in CAI e sanzione prefettizia Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 12 Ottobre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria assegni cambiali e conti correnti - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Anonimo 29 Marzo 2020 at 17:28

    Buongiorno, se la società che emette l’assegno ha sede legale a Napoli e la sua banca si trova a Torre del Greco, ma sull’assegno ho scritto Napoli e l’assegno viene incassato a Napoli, per essere fuori termine per il protesto, ci vogliono otto giorni o quindici? Grazie

    • Simone di Saintjust 30 Marzo 2020 at 04:03

      Si devono confrontare il luogo di emissione dell’assegno e la sede della filiale depositaria del conto corrente su cui l’assegno è tratto: nel caso specifico, poichè l’assegno bancario è pagabile in un comune diverso da quello in cui è stato emesso, il termine di presentazione è di 15 giorni. L’assegno, cioè, deve pervenire alla filiale di Torre del Greco, indipendentemente dalla luogo dello sportello dove il beneficiario accredita l’assegno (Napoli), per la verifica della autenticità della firma e della disponibilità dell’importo facciale, entro 15 giorni rispetto alla data di emissione.