Assegno circolare - deve essere incassato entro 30 giorni

L’assegno circolare è un titolo di credito emesso da una banca autorizzata per somme che siano presso di essa disponibili al momento dell’emissione. Esso é pagabile a vista e non può essere emesso senza il nome del beneficiario. L’assegno circolare deve essere presentato al pagamento entro 30 giorni dalla data di emissione.

Per richiedere un assegno circolare non è necessario che il richiedente abbia un rapporto di conto corrente con la banca emittente.

L’assegno circolare è emesso direttamente dalla Banca a fronte della copertura certa disponibile sul conto, versata al momento dal cliente richiedente o da un terzo anche non titolare di un conto corrente.

Deve contenere la denominazione di assegno circolare, la promessa incondizionata di pagare a vista una somma determinata, l’indicazione del beneficiario e della data e luogo nel quale l’assegno è emesso, nonche’ la sottoscrizione della banca emittente.

L’assegno circolare deve essere presentato all’incasso entro 30 giorni dall’emissione, altrimenti il possessore non puo’ piu’ agire con le azioni di regresso.

All’assegno circolare sono applicabili tutte le disposizioni relative al pagamento, alla girata, alle clausole di non trasferibilita’, alla sbarratura, al protesto e alle azioni di regresso.

Le azioni di regresso che riguardano un assegno circolare sono fattibili dal portatore nei confronti dei giranti e dei loro avallanti nei rari casi in cui la banca emittente non paghi.

La condizione per poter esercitare azione di regresso è l’aver presentato l’assegno al pagamento entro 30 giorni dall’emissione. L’azione contro la banca emittente si prescrive in tre anni dall’emissione dell’assegno.

Per fare una domanda sull’assegno circolare, sulla cambiale, su altri strumenti di pagamento e su tutti gli argomenti correlati clicca qui.

5 Agosto 2013 · Chiara Nicolai

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Un assegno circolare non può essere incassato presso una banca diversa da quella emittente
In merito all'eventuale diritto alla negoziazione di un assegno circolare emesso da altra banca, occorre riferirsi alle norme contenute nel regio decreto 1933 numero 1736, che non impongono alle banche un siffatto obbligo. Certo, il titolo può essere negoziato anche presso una banca diversa da quella emittente; ma ciò avviene sulla base di specifiche convenzioni di corrispondenza, contenenti patti che vincolano le banche partecipanti alla reciproca negoziazione dei titoli rispettivamente emessi e ciò, al fine di favorirne la diffusione e moltiplicare gli sportelli presso i quali i titoli possono essere negoziati. In tale ipotesi sussisterebbe un vero e proprio obbligo ...

Assegno circolare girato da soggetto dichiarato fallito - La banca emittente deve pagare
La Banca A emette assegno circolare trasferibile (dunque di importo facciale minore di mille euro) all'ordine di B. L'assegno circolare viene trasferito da B a C. C presenta all'incasso l'assegno circolare giratogli da B, ma la banca A rifiuta di pagarlo perché emerge la circostanza che, al momento della richiesta di emissione dell'assegno circolare, B era già stato dichiarato fallito. La domanda: può la banca A rifiutare il pagamento dell'assegno a C? Al quesito hanno risposto i giudici della Corte di cassazione con la sentenza 17310/09. La dichiarazione di fallimento comporta l'inefficacia dei pagamenti eseguiti o ricevuti dal fallito come ...

Assegno – i termini di presentazione
L'assegno bancario ha la funzione economica di mezzo di pagamento: può essere utilizzato in sostituzione del denaro da chi ha una disponibilità di fondi presso una Banca. In tal caso, il cliente della Banca, anziché prelevare i soldi per pagare un creditore, può dare l'ordine alla Banca di effettuare il pagamento al creditore, emettendo un assegno bancario a favore di quest’ultimo. L'assegno bancario costituisce titolo esecutivo: ciò significa che, se presentato all'incasso nei termini previsti dalla legge e decorrenti dalla data indicata nell'assegno bancario, deve essere pagato. Il termine di presentazione è: 8 giorni, se l'assegno bancario è pagabile nello ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su assegno circolare - deve essere incassato entro 30 giorni. Clicca qui.

Stai leggendo Assegno circolare - deve essere incassato entro 30 giorni Autore Chiara Nicolai Articolo pubblicato il giorno 5 Agosto 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria assegno - clausole e situazioni particolari Inserito nella sezione assegni cambiali e conti correnti

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Anonimo 21 Aprile 2020 at 14:34

    Visto che eventualmente in futuro una banca mi potrebbe dare un assegno circolare di un esigua somma sotto i 500 euro, vorrei sapere se eventualmente decado dall’azione di regresso dopo 30 giorni dalla eventuale data di emissione dell’assegno circolare se lo porto all’incasso versandolo su mio conto corrente bancario dopo 30 giorni? Inoltre vorrei sapere se si annulla la somma dell’assegno circolare, se si prescrive l’assegno circolare, se ci potrebbero essere eventuali conseguenze a mio carico a livello (legale , fiscale, amministrativo , contrattuale , di interessi sul versamento citato assegno circolare ecc) se lo si versa l’assegno circolare su un mio conto corrente bancario dopo 30 giorni dalla data di emissione?

    • Simone di Saintjust 22 Aprile 2020 at 04:53

      La condizione per poter esercitare azione di regresso è l’aver presentato l’assegno al pagamento entro 30 giorni dall’emissione: entro 30 giorni deve incassarlo, poi può versarlo sul suo conto corrente quando crede. L’azione contro la banca emittente si prescrive in tre anni dall’emissione dell’assegno.