Informativa sui cookie di profilazione per la pubblicità

Il nostro sito WEB è finanziato dai proventi (molto magri, in verità) ricavati con la pubblicità online. Quando il lettore clicca su un banner pubblicitario una piccola quota di quanto pagato a Google ADSENSE dall'inserzionista, viene accreditato al publisher (cioè a noi): questo ci consente di pubblicare contenuti sempre aggiornati nonché dare risposta alle vostre domande in modo gratuito e, nel contempo, far fronte ai costi di gestione (canoni per l'hosting, per i certificati SSL, per i domini, per il supporto tecnico di manutenzione ordinaria del server). Per tale motivo dobbiamo necessariamente utilizzare cookie di profilazione di terze parti ed in particolare di Google Adsense e Google Analytics.

Pertanto, per poter fruire liberamente dei contenuti e dei servizi di consulenza è necessario autorizzare l'utilizzo dei cookie di profilazione.

Non si tratta, beninteso, di una imposizione del tipo "prendere o lasciare": il fatto è che non abbiamo le conoscenze tecniche per offrire al nostro lettore la possibilità di poter scegliere la navigazione senza cookie su questo sito WEB e non disponiamo dei fondi necessari per commissionare a terzi l'implementazione di una tale opzione.

Un cookie di profilazione è una breve stringa di testo la cui lettura potrebbe consentire, in particolare, di rendere più pertinenti gli annunci pubblicitari visualizzati sulla base di interessi del visitatore già manifestati in passato (anche su altri siti) e di tener traccia delle eventuali preferenze espresse sui social (bottoni "consiglia", "mi piace", "+1").

Pertanto, durante la navigazione, terze parti (Google e Facebook) potrebbero generare, aggiornare e/o elaborare cookie di profilazione quando si azionano i pulsanti di interazione con i social network oppure si accede alle pagine a cui rimandano i banner pubblicitari. Queste informazioni vengono poi memorizzate dal browser (Firefox, Chrome, Internet Explorer, Safari, Opera) nel dispositivo (personal computer, tablet, smartphone) utilizzato sotto forma, appunto, di cookie di profilazione.

Le pratiche migliori per proteggere la propria privacy, qualora si ritenga che i cookie di profilazione possano costituirne pregiudizio, sono quelle di seguito suggerite:

  • fruire dei contenuti sfruttando le funzionalità di navigazione anonima offerte dai browser più diffusi (per quanto riguarda Chrome, per sapere come fare, leggi qui;)
  • fruire dei contenuti bloccando ed eliminando i cookie di profilazione;
  • evitare qualsiasi interazione con i social network e gli annunci pubblicitari;
  • disattivare temporaneamente, nel corso della navigazione, gli account Facebook e Google+;

Per quanto attiene la disattivazione dei cookie, si rimanda a questa risorsa per eventuali approfondimenti.

In alternativa è possibile consultare le informazioni per la modifica delle impostazioni dei cookie rese disponibili dalle società produttrici dei browser più diffusi e per le versioni più recenti:

Ulteriori approfondimenti sulla normativa italiana vigente sono disponibili in questo articolo. La normativa europea vigente (GDPR ovvero General Data Protection Regulation) è trattata (in lingua Inglese) qui.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca