Accordo transattivo con società di recupero crediti

Posso ottenere un accordo transattivo?

Soffro di sindrome da shopping compulsivo e (chi ne soffre sa bene cosa significa). Qualche anno fa sono arrivata ad avere lo stipendio completamente impegnato dalle finanziarie che mi avevano concesso molti prestiti per un valore di 22.000 euro oltre ad avere impegnato la cessione del quinto.

Non potendo più sostenere tutti questi pagamenti (il mio stipendio serviva solo a pagare le rate e non mi restavano che pochissimi euro per andare avanti) ho dapprima interrotto di pagare le rate mensili e in seguito, causa un brutto esaurimento, mi sono licenziata dal lavoro e non ho più pagato nulla.

Il mese scorso mio marito è morto e a luglio dovrei iniziare a percepire la reversibilità della pensione ed ho pensato che potrei contattare le società di recupero crediti per proporre un accordo transattivo ma non ho idea di come rintracciarle.

Qualcuno può darmi indicazioni in merito? ho bisogno di un legale?

Se il suo proposito di raggiungere un accordo transattivo con i creditori è motivato dalla speranza di poter riottenere allora è bene disilluderla

Qui sappiamo molto bene cosa significhi essere affetti da shopping compulsivo. Non abbiamo mai banalizzato questa patologia tanto è vero che il blog conta numerosissimi articoli che ne trattano. Alcuni ripresi da riviste scientifiche.

Per quanto attiene il suo specifico problema, la soluzione consisterebbe nel contattare direttamente le finanziare creditrici. Ma dubito che l’approccio possa conseguire un qualche successo. Specie se il credito è stato ceduto pro soluto, a prezzo vile, in quanto considerato pressoché inesigibile, come suppongo.

Mi permetto di esternare un’ulteriore considerazione, consapevole di poter urtare la sua suscettibilità. Ma il nostro compito è fornire adeguata e completa informazione ed a questo dobbiamo adempiere.

Se il suo proposito di raggiungere un accordo transattivo con i creditori è motivato dalla speranza di poter riottenere, prima o poi, l’accesso al credito attraverso la concessione di carte di credito revolving, allora è bene disilluderla.

Occorrono trentasei mesi, dalla data dell’ultima transazione regolarizzatrice, per poter chiedere la cancellazioni dei propri dati negativi dalle Centrali Rischi come CRIF, CTC, Experian. Tuttavia, questo non vuol dire che il proprio nominativo venga eliminato dalle banche dati, non ufficiali, dei cattivi pagatori.

In sintesi, se il suo proposito è finalizzato da questioni etiche, dal bisogno morale di voler restituire il dovuto, continui pure le ricerche del creditore. Se, invece, vi è sottesa la speranza di poter ritrovare il modo per asservire le pulsioni che derivano dalla sindrome da cui è, purtroppo, affetta, allora le suggerisco di provare altre strade.

4 Ottobre 2012 · Simonetta Folliero

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Debiti e società di recupero crediti – consigli da seguire se si decide di pagare 
Gentile debitore, se proprio ha intenzione di pagare, segua questi consigli: innanzitutto lei deve accertarsi che il soggetto a cui effettua i pagamenti sia legittimato alla riscossione del debito. Occorre dunque che le venga trasmessa copia conforme della documentazione attestante la cessione dei diritti dal creditore originario al soggetto giuridico con cui sta perfezionando il concordato. ...

Cambiali ed assegni post datati - nelle mani delle società di recupero crediti nuocciono gravemente alla salute del debitore!
Sono protestata da quasi un anno e mezzo e non sono riuscita ancora a saldare il mio debito. Dopo lettere intimidatorie da parte delle societa recupero crediti, visite di procuratori ed agenti esattoriali, ufficiali giudiziari, sono ancora col dubbio di quanto possa ancora resistere all'avviso di un pignoramento e quanto possa restare ancora protestata. Il prestito è stato preso nel 2004, pagate solo 10 bolettini e basta. Quindi è stato cambializzato nel 2008, pagate 12 cambiali, scoperte 48 per un ammontare di 17000. Cosa ancora mi puo sucedere? risponde il consigliere debiti Intanto resta protestata per cinque anni dalla levata ...

Siete indebitati e le società di recupero crediti vi perseguitano? Ecco come comportarsi
Ci riferiremo, tanto per fissare le idee, a debiti derivanti da acquisti effettuati avvalendosi di contratti di finanziamento per il così detto credito al consumo. La finanziaria, che non riesce a recuperare le somme erogate, non agisce direttamente contro il debitore. In genere non è organizzata, nè ha le competenze, per l'attività di esazione. Attraverso operazioni di factoring il credito viene allora ceduto alle società di recupero crediti. Chiameremo il nostro ipotetico debitore protagonista Pippo. Pippo ha comprato una cucina comprensiva di macchina del gas, frigorifero e congelatore. Con ripiani in marmo. Bene. Il tutto gli è costato 10 mila ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su accordo transattivo con società di recupero crediti. Clicca qui.

Stai leggendo Accordo transattivo con società di recupero crediti Autore Simonetta Folliero Articolo pubblicato il giorno 4 Ottobre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 18 Dicembre 2016 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - eredità successione e donazioni - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)