Accollo del mutuo e successivo frazionamento

Il frazionamento del mutuo fondiario non può costituire fonte di nuove obbligazioni per il terzo acquirente, il quale rimane obbligato nei confronti del mutuante nei limiti in cui si è accollato il debito, e può opporre al creditore le eccezioni fondate sul contratto in base al quale l'assunzione è avvenuta. Ne consegue l'illegittimità della suddivisione che non abbia rispettato le quote di accollo pattuite dal mutuatario con i terzi acquirenti, aumentandone l'ammontare.

Così si era espressa la Corte di Cassazione nella sentenza numero 7453 del 20 marzo 2008.

I giudici di piazza Cavour, con la sentenza numero 15685/2013, sono tornati ad affrontare le questioni relative all'accollo ed al successivo frazionamento del mutuo, stabilendo che il presidente del tribunale, accertata la legittimazione del ricorrente e l'inadempimento della banca all'obbligo di frazionare il mutuo, designa il notaio che vi deve provvedere in sostituzione della banca. Nel caso in cui il frazionamento sia richiesto dal terzo acquirente, dal promissario acquirente o dall'assegnatario, l'ipoteca, dopo il frazionamento, deve garantire soltanto la quota di mutuo che il richiedente si è accollato e non una quota proporzionata al valore della singola unità rispetto al valore del complesso delle unità immobiliari gravate dall'ipoteca. Per tale ragione al procedimento non devono partecipare altri soggetti oltre al mutuante ed al soggetto che ha chiesto il frazionamento

In pratica, l'acquirente di un immobile che si accolla un mutuo non ancora frazionato, può chiedere giudizialmente il frazionamento del mutuo gravante sul complesso immobiliare del quale fa parte il bene acquistato, potendo così ottenere, come peraltro previsto dalla pronuncia 7453/08, che il frazionamento non comporti per lui ulteriori oneri.

La banca, in ogni caso, non potrà trasferire sulle altre unità immobiliari la parte dell'importo erogato non più coperto da garanzia reale.

24 giugno 2013 · Marzia Ciunfrini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Accollo del mutuo
L'accollo del mutuo è l'operazione di trasferimento del mutuo all'acquirente quando si acquista una abitazione su cui grava già un mutuo ipotecario. In tal caso il venditore dell'abitazione può contestualmente attuare il trasferimento del mutuo all'acquirente. In tale circostanza le rate del mutuo ed il rimborso del capitale ad esso ...
Mutuo » La banca deve risarcire il cliente se ritarda il frazionamento
L'istituto di credito è tenuto al risarcimento dei danni al proprio cliente se ritarda il frazionamento del mutuo nonostante le ripetute richieste. Infatti, la banca deve risarcire il danno alla società costruttrice se ritarda il frazionamento del mutuo nonostante i ripetuti solleciti ricevuti. Il rifiuto ingiustificato, nonostante l'inesistenza di un ...
Accollo del mutuo » Il vademecum
Accollo del mutuo: di cosa si tratta? Partendo dai diversi tipi d'accollo fino agli aspetti da valutare, cerchiamo di chiarire questa prassi nel prosieguo dell'articolo. In linea generale, l'accollo del mutuo consiste nel subentrare nelle obbligazioni contratte da chi ha stipulato un mutuo, quando si ha l'intenzione di acquistare l'immobile ...
Mutuo cointestato separazione e accollo non liberatorio - il coniuge diventato debitore unico non può chiedere modifiche contrattuali
Il caso si riferisce ad una coppia di coniugi cointestatari di mutuo ipotecario laddove, nella sentenza di omologa della separazione consensuale si legge che ... resta a carico del marito l'onere relativo al pagamento della rata del mutuo. Il marito che, in forza dell'accordo di separazione, era divenuto "debitore unico" ...
Mutuo » valido anche se finanzia più dell'80% dell'immobile senza adeguate garanzie
Valido il mutuo che finanzia più dell'80 per cento dell'immobile senza adeguate garanzie. Infatti, deve escludersi che la violazione del limite di finanziabilità pari all'80 per cento del valore dell'immobile determini la nullità del contratto. Ciò, dovendosi osservare che le relative disposizioni non appaiono quindi volte ad inficiare norme inderogabili ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su accollo del mutuo e successivo frazionamento. Clicca qui.

Stai leggendo Accollo del mutuo e successivo frazionamento Autore Marzia Ciunfrini Articolo pubblicato il giorno 24 giugno 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 2 agosto 2017 Classificato nella categoria nozioni di base su mutui affitti e leasing Inserito nella sezione mutui per acquisto casa e affitti.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca