Vodafone e TIM cancellazione unilaterale delle promozioni con rincari fino al 60% – Ecco come ci difende l'ANTITRUST

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento, oppure qui o consultando questa sezione.

Ad agosto scrivemmo:

Trattandosi delle due compagnie telefoniche che raccolgono il maggior numero di utenti e in considerazione della sospetta contemporaneità della manovra messa in atto da Tim e Vodafone, chiamiamo tutti il numero verde dell'ANTITRUST 800.166.661 e chiediamo di verificare se tale operazione non sia in violazione della legge sulla concorrenza e non nasconda un accordo tra i due gestori.

Oggi apprendiamo che l'Antitrust ha multato Tim e Vodafone con una sanzione da 500.000 euro ciascuno, il massimo applicabile in questo caso, "per modifica unilaterale e sistematica dei piani tariffari senza fornire adeguate informative al consumatore".

Ne da notizia l'associazione Altroconsumo, che aveva denunciato in agosto all'Authority i due operatori per pratiche commerciali scorrette sui rincari delle tariffe di telefonia mobile.

Secondo i rilievi di Altroconsumo, infatti, accolti dall'Antitrust, "la mancanza di informazione e trasparenza ha impedito agli utenti di conoscere le caratteristiche delle nuove tariffe", e le modalità di attuazione della portabilità e di rimborso del credito residuo.

La modifica unilaterale dei piani tariffari, in base ai calcoli di Altroconsumo, ha portato a rincari per profili medi in un anno da 49 fino a 83 euro, con picchi d'aumento sulle singole telefonate che però possono arrivare fino al 100%.

Per porre una domanda  su tutela e diritti del consumatore, dell'utente dei servizi bancari e finanziari, e del debitore in genere, sul codice del consumo, e su tutti gli argomenti correlati a questo articolo, clicca qui.

16 febbraio 2009 · Antonio Scognamiglio

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

consigli e tutela del debitore - contenuti obsoleti, z contenuti obsoleti (no flag)

Approfondimenti e integrazioni

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info



Cerca