Nessun tasso di interesse a favore del creditore fra luglio e dicembre 2016 per ritardo nei pagamenti relativi a transazioni commerciali

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Il saggio degli interessi da applicare a favore del creditore nei casi di ritardo nei pagamenti nelle transazioni commerciali, a partire dal 1° luglio fino al 31 dicembre 2016, è pari allo 0%. Si tratta di quanto disposto ai sensi dell'articolo 5 del decreto legislativo 231/02 e riportato dalla Gazzetta Ufficiale 178/16 del 1 agosto.

3 agosto 2016 · Patrizio Oliva

Approfondimenti e integrazioni

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info