Aeegsi (autorità per l'energia elettrica gas e sistema idrico)

Controversie nei settori dell'energia elettrica e gas » dal primo gennaio 2017 è obbligatoria la conciliazione

Andrea Ricciardi - 1 febbraio 2017

Energia elettrica e gas: dal 1 gennaio 2017 parte la conciliazione obbligatoria nella risoluzione delle controversie tra aziende e consumatori. Dal primo gennaio 2017, per le controversie nei settori dell'energia elettrica e del gas, il cliente finale e il prosumer (produttori e consumatori di energia elettrica) possono tentare di risolvere il problema con il proprio operatore utilizzando la conciliazione, che diventa una tappa obbligatoria prima di rivolgersi eventualmente al giudice. Il tentativo obbligatorio di conciliazione può essere svolto dinanzi al Servizio Conciliazione dell'Autorità per l'energia elettrica il gas e il sistema idrico (Aeegs) oppure, in alternativa, presso un organismo che ...

Fornitura acqua » la disciplina del settore secondo l'autorità garante acqua luce e gas (aeegsi)

Gennaro Andele - 13 dicembre 2016

In tema di tutela dei consumatori, nell'articolo che segue, vediamo come l'autorità garante acqua luce e gas disciplina il settore della fornitura acqua. L'Autorità garante per l'energia e il gas si occupa anche del settore idrico dal 2011, fissando regole generali a livello nazionale. A livello regionale poi la gestione passa dalle Autorità locali a cui le Regioni affidano la gestione del servizio. I Queste Autorità controllano poi i vari gestori idrici suddivisi per zona. A livello locale quindi per l'utente sono molto importanti anche il Regolamento dell'Autorità regionale e la Carta dei Servizi del proprio gestore. Questi documenti devono ...

Dispute tra consumatori e società fornitrici di energia elettrica e gas » dal 2017 sarà obbligatoria la conciliazione

Gennaro Andele - 24 ottobre 2016

A partire dal 2017, per quanto riguarda il contenzioso tra consumatori e società fornitrici di energia elettrica e gas, sarà obbligatoria la conciliazione: scopriamo come, quando e perché. Contratti e servizi non richiesti, bollette stratosferiche, ritardi nella fornitura e tutto ciò che ruota intorno ai problemi tra consumatore e fornitori: dal prossimo anno, il 2017, cambiano le regole per risolvere i contenziosi tra le società e i tanti consumatori di luce e gas che si troveranno in situazioni del genere. Difatti con la delibera n. 209/2016 l'Autorità per l'Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico, ha approvato il cosiddetto ...

Bollette gas e luce » attenzione alle truffe che fanno scattare forniture non richieste

Gennaro Andele - 19 ottobre 2016

Nuovi metodi truffaldini per far si che, ignari, consumatori abbocchino all'amo e si facciano attivare, inconsapevolmente, forniture per l'energia elettrica ed il gas: qualche consiglio per tutelarsi. Si sa, i venditori porta a porta di forniture di Energia sono super impegnati, come sempre, ad estorcere firme con l'inganno o a falsificare le stesse. A volte solo dopo mesi (al ricevimento della prima fattura) l'utente si accorge di avere un nuovo gestore. Le tecniche utilizzate sono diverse: dalla classica truffa telefonica fino all'introduzione in casa sfruttando marchi noti di gestori. L'apparente paradosso è che molti clienti portati con la malafede in ...

Consumi presunti in bollette luce e gas - l'antitrust castiga acea, enel, eni ed edison

Giovanni Napoletano - 14 luglio 2016

Per migliaia di clienti di ACEA, ENEL, ENI ed EDISON, la fatturazione di gas ed energia elettrica è avvenuta in assenza di dati di misura reale e per estesi periodi di consumo: sono stati utilizzati algoritmi di calcolo che hanno determinato stime errate, con la conseguente, reiterata emissione di fatture in acconto o comunque significativamente difformi dagli standard di consumo degli utenti. In presenza di reclami o richieste di verifica e delucidazioni (scritte e orali) degli utenti sulla non correttezza o anomalia degli importi fatturati, ACEA, ENEL, ENI ed EDISON hanno avviato o proseguito l'azione volta a riscuotere tali somme, ...

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

cerca