Spray e strato di ozono

Nel 1985, alcuni ricercatori scoprirono nello strato di ozono un enorme buco che permetteva ai raggi solari pericolosi (ultravioletti) di raggiungere facilmente i l suolo.

Colpevoli: i gas "CFC" (Cloro Fluoro Carburi), utilizzati in particolare in frigoriferi, spray e schiume isolanti. Di fronte a questa minaccia, annunciata da molto tempo dagli scienziati, diversi Stati adottarono nel 1987 il Protocollo di Montreal. Entrato in vigore nel1989, questo testo stabili un calendario destinato ad abolire l'utilizzo dei CFC entro pochi anni. È questo un buon esempio di concertazione internazionale in favore dell'ambiente. Gli spray per cosmetici che utilizzavano i CFC, oggi ne sono esenti.

Ma data la persistenza dei CFC nell'atmosfera, il famoso buco dovrebbe ancora crescere per uno o due decenni, prima di richiudersi poco a poco.

17 agosto 2013 · Giovanni Napoletano

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

,

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su spray e strato di ozono. Clicca qui.

Stai leggendo Spray e strato di ozono Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 17 agosto 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria tutela consumatori - codice del consumo Inserito nella sezione tutela consumatori del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


cerca