Phishing » quando la banca deve il risarcimento al proprio cliente?

Phishing » Quando l'istituto di credito deve il risarcimento al proprio cliente?

Il famigerato phishing: molti italiani cadono, spesso, in questa trappola. Ma in sostanza, cos'è il phishing? E ancora, quando avviene, l'istituto di credito è responsabile? In quali casi deve il risarcimento danni al proprio correntista?

Con la tecnica fraudolenta del phishing i cyber-criminali riescono ad acquisire i dati dei conti correnti online, il numero di carta di credito, la password dell'home banking, i documenti di identità ecc.

Una volta, poi, ottenute queste preziosissime informazioni, le utilizzano per effettuare bonifici a loro favore, ricaricando la propria prepagata oppure effettuando altre operazioni (come acquisti) sotto falsa identità, svuotando, così, il conto corrente del malcapitato.

La pratica più usata per arrivare a questo scopo è quella di inviare un'e-mail dove si invita il truffato a consultare il proprio conto postale o bancario, per acquisire documenti o altre importanti informazioni.

A volte viene chiesto di accedere al conto per sbloccare un pagamento.

In verità, l'e-mail contiene un link ad un sito terzo che, riproduce in tutto e per tutto la home della banca. In realtà, si tratta di un falso d’autore costruito appositamente dal truffatore.

Lo sfortunato che ingenuamente inserisce la propria username e password su tale pagina web, in realtà non sta facendo altro che consegnare i propri dati al phisher.

Quest’ultimo, così, potrà poi utilizzare le credenziali per entrare nel vero sito della banca, accedere al conto e prelevare denaro.

Bene, in questo caso, ormai, la frittata è fatta.

Comunque, esistono anche altre svariate forme di phishing molto più complesse e difficili da individuare da un consumatore.

Ma in quali casi la responsabilità viene considerata della banca e in quali del correntista?

Phishing: responsabile la banca o il cliente?

La legge tutela il consumatore vittima di phishing.

Tutte le volte in cui il cliente dichiari di non aver autorizzato la propria banca al pagamento fraudolento, sarà quest’ultima tenuta a rimborsarlo.

La banca deve provare la colpa del cliente se non vuole risarcirlo, dando prova che questi ha tenuto un comportamento imprudente.

Se però la banca, che ha rimborsato immediatamente il cliente, dimostra che l’operazione era stata autorizzata, allora la somma dovrà esserle, naturalmente, restituita.

Inoltre, il cliente non sarà rimborsato se ha agito con imprudenza e imperizia particolarmente gravi e, pertanto, non scusabili. Questo il caso della risposta alla falsa e-mail con la quale gli si chiede di digitare i dati della propria carta.

Il cliente bancario, quindi, deve innanzitutto prevenire, mantenendo un alto livello di attenzione e controllo.

Non si deve rispondere ad e-mail provenienti da soggetti che chiedono di digitare i propri dati, né aprire file dei quali non si conosce la provenienza.

Quando ci si accorge di qualche anomalia, inoltre, è bene mandare subito una e-mail all'emittente della carta per bloccarla o per bloccare l’operatività online del conto.

14 aprile 2014 · Paolo Rastelli

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, , , , , , ,

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su phishing » quando la banca deve il risarcimento al proprio cliente?. Clicca qui.

Stai leggendo Phishing » Quando la banca deve il risarcimento al proprio cliente? Autore Paolo Rastelli Articolo pubblicato il giorno 14 aprile 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 1 maggio 2017 Classificato nella categoria risarcimento per danni a persone e cose Inserito nella sezione tutela consumatori del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca