Mutui e prestiti » Pubblicati i tassi soglia per il primo trimestre 2014

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento, oppure qui o consultando questa sezione.

Ecco le rilevazioni del Ministero dell'Economia e delle Finanze in merito ai tassi soglia su mutui e prestiti del primo trimestre 2014, recentemente pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale.

I tassi soglia, come sappiamo, vengono utilizzati a livello nazionale come parametri validi in merito alla legge antiusura, che si applica a tutte le operazioni di credito e di finanziamento effettuate all'interno del territorio nazionale.

Per quanto riguarda i tassi d'interesse effettivi globali valevoli come soglie antiusura per le principali operazioni di credito e finanziamento (mutuo, prestito, leasing, conto corrente, etc…) il Ministero dell'Economia e delle Finanze ha apportato alcune variazioni rispetto al trimestre precedente.

I tassi soglia dei mutui sono aumentati per quanto concerne i finanziamenti con garanzia ipotecaria a tasso variabile, il cui valore è salito da 8,6% a 8,76%. Rimane invece a 10,38% il tasso soglia per i mutui a tasso fisso.

A Palazzo Koch, sede della Banca d'Italia, cè anche una eccezione. Sono state previste anche ulteriore modifiche rispetto il tasso massimo usura: infatti sono diminuiti i tassi soglia dei prestiti finalizzati, come sono ad esempio i prestiti per le casalinghe: per quanto riguarda gli importi fino a 5.000 euro il tasso è passato da 19,40% a 19,32%, mentre per i prestiti con importo oltre i 5.000 euro e sceso da 16,45% a 16,43%.

Si registrano modifiche anche per i tassi soglia relativi a quei particolari prestiti personali che prevedano la cessione del quinto.

Sono aumentati, infatti, sia per quanto riguarda gli importi fino a 5.000 euro (da 18,47% a 18,83%), sia per quelli superiori (da 18,55% a 18,28%). Invariato il tasso massimo usura relativo ai prestiti personali, che resta al 18,98%.

Le tabelle relative al periodo primo gennaio, 31 marzo 2014 prevedono cambiamenti con ritocchi verso l'alto per quel che riguarda la soglia tasso usura per i conti correnti: se si va ad aprire un conto corrente di base, per importi fino a 5.000 euro si paga di più il costo del prestito, dal 18,22% a 18,27%.

Discorso diverso per quel che riguarda gli importi superiori a 5.000 euro: in questo caso il tasso è diminuito da 16,66% a 16,57%

29 gennaio 2014 · Stefano Iambrenghi

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

mutui - contenuti obsoleti

Approfondimenti e integrazioni

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca