Fondo mutui per i giovani precari » pochissime le banche che hanno sottoscritto la convenzione

Mutui per i giovani precari: il Fondo stanziato del governo non sta facendo faville. Sono pochissimi, infatti, gli istituti di credito che che finora hanno sottoscritto la convenzione.

Al giorno d'oggi, ottenere un mutuo oggi non è facile, soprattutto se si è giovani e anche precari.

Così, per far aprire i rubinetti delle banche era sceso in campo il governo.

Il Parlamento, infatti, aveva istituito un Fondo di garanzia da 70 milioni per il 2014 e il 2015 destinato a coppie sposate under 35 e a single o coppie conviventi purché con figli minori e purché avessero un reddito Isee di massimo 40.000 euro.

Ma l'idea, purtroppo, ha incontrato l'ostacolo delle banche.

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità o per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su fondo mutui per i giovani precari » pochissime le banche che hanno sottoscritto la convenzione. Clicca qui.

Stai leggendo Fondo mutui per i giovani precari » pochissime le banche che hanno sottoscritto la convenzione Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 16 aprile 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria mutui agevolati per giovani coppie anche con contratto di lavoro atipico Inserito nella sezione mutui per acquisto casa e affitti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

cerca