Le nuove direttive sui mutui in linea generale

Secondo le nuove direttive il sequestro della casa su cui grava un'ipoteca diventerà davvero l'ultima risorsa e ci si concentrerà soprattutto sulla necessità di una maggiore trasparenza delle banche.

Gli istituti di credito, infatti, dovranno obbligatoriamente fornire un modulo standardizzato con la descrizione dei rischi, incluso il costo totale del mutuo e le possibili conseguenze finanziarie di lungo termine.

Gli aspiranti mutuatari avranno, inoltre, sette giorni di tempo tra il prospetto e la firma e per il diritto di recesso dopo la firma stessa.

I termini dei mutui dovranno essere adeguati alle condizioni finanziarie del richiedente, anche se viene lasciata una certa discrezionalità alle banche sulla base di un rapporto di fiducia già stabilito con il cliente. Inoltre, è prevista anche l'abolizione delle penalità per il rimborso anticipato.

Come accennato, il pignoramento della casa dovrà essere davvero l'ultima alternativa e sarà compito delle commissioni di mora valutare i costi effettivi. Qualora si arrivasse alla vendita, questa dovrà essere realizzata davvero al miglior prezzo, per garantire la copertura dell'eventuale debito residuo. inoltre dovrà essere prevista una soluzione abitativa alternativa per chi perde la propria casa.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su le nuove direttive sui mutui in linea generale.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.