Chiarimenti su mobbing e risarcimento danni

Il lavoratore dipendente che subisce il mobbing da parte del proprio datore di lavoro, o dai propri colleghi, può denunciare le condotte vessatorie in Tribunale e ottenere il risarcimento del danno arrecato alla propria salute psico-fisica.

Ai fini del risarcimento è però necessario provare l'esistenza di determinati comportamenti persecutori e offensivi, reiterati nel tempo, che siano stati la causa effettiva di un danno psicologico, di sofferenze morali o stress sul luogo di lavoro.

Dunque, è necessaria la prova di tutti questi requisiti osservati nel precedente paragrafo affinché si possa parlare di mobbing e riconoscere al soggetto danneggiato il risarcimento del danno biologico, inteso, appunto, come danno alla salute psico-fisica e quindi anche danno morale ed esistenziale.

20 marzo 2014 · Andrea Ricciardi

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su chiarimenti su mobbing e risarcimento danni.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.