Gratuito patrocinio – nell'istanza vanno specificati tutti i redditi

La richiesta di ammissione al patrocinio a spese dello Stato non può essere accettata se non indica specificamente anche le erogazioni familiari percepite.

In tal senso si è espressa la Corte di cassazione in merito all'ammissibilità della richiesta di assistenza legale gratuita, in cui il richiedente indicava genericamente di ricevere un sostengo da parte dei familiari (Cassazione, sentenza del 12 ottobre 2010, numero 36362).

La Cassazione in particolare ha ribadito due principi in materia di gratuito patrocinio.

Il primo è che per la concessione del beneficio devono essere indicati, oltre ai redditi imponibili risultanti dall'ultima dichiarazione, anche quelli esenti dall'Irpef o soggetti a ritenuta alla fonte a titolo di imposta, ovvero ad imposta sostitutiva.

Nel calcolo confluiscono quindi anche i redditi non assoggettati a imposta, come ad esempio quelli illeciti o esenti (Cassazione 45159/2005).

Di conseguenza sono componenti reddituali tutte le somme, non occasionali, percepite dal richiedente.

Tali redditi complessivamente considerati non devono superare la soglia di 10.628,16 euro.

Il secondo principio è che, per poter beneficiare della difesa gratuita, l'istante deve necessariamente indicare, nella richiesta, l'ammontare delle erogazioni percepite, ai sensi dell'articolo 79, comma 1, lettera c) del Dpr 115/2002, in modo da fornire un quadro certo e completo della sua situazione economica.

L'istanza di accesso al patrocinio gratuito, che non specifica tutti i redditi, compresi gli aiuti economici ricevuti dai familiari, non può essere accettata.

31 agosto 2013 · Antonella Pedone

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su gratuito patrocinio – nell'istanza vanno specificati tutti i redditi.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • Stasi Roberto 21 dicembre 2015 at 14:14

    Una parte di questo governo è una vera vergogna perchè sono diventati cattivi ed anticristo. Pensate che per ottenere un gratuito patrocinio vogliono che nelle vostre famiglie vi sia una lite legale, dunque questo significa che quando disegnano le leggi le disegnano con l'intento di far litigare i familiari per ottenere benefici dal governo.
    L'avvocato mi ha detto chiaramente che deve esserci una lite legale in corso per considerare solo il reddito personale.

    Questo è l'articolo 3, comma 4 della legge 30 luglio 1990, art. 217.
    4. Si tiene conto del solo reddito personale nei procedimenti in cui gli interessi del richiedente sono in conflitto con quelli degli altri componenti il nucleo familiare con lui conviventi.

    Non accettate questo scandaloso modo di fare le leggi e ditegli bene in faccia di non guardare troppo negli affari familiari degli altri.

    • Annapaola Ferri 21 dicembre 2015 at 14:24

      In un nucleo familiare dovrebbe esserci l'obbligo morale di aiutare un componente che deve affrontare spese legali. E dunque, per l'accesso al beneficio del gratuito patrocinio viene preso in considerazione, com'è giusto a parere di chi scrive, il reddito del nucleo familiare. A meno che, in famiglia non ci siano liti pendenti fra i componenti del nucleo, nel qual caso si prende in considerazione il solo reddito del soggetto che chiede l'accesso al beneficio del gratuito patrocinio.

    1 2