L'indagine conoscitiva del 2003 nel settore dell'assicurazione RC Auto

Che tenerezza mi fanno i segugi dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM, conosciuta anche come Antitrust numero d.r.). Se avessero dato la caccia ai conigli selvatici con lo stesso impegno con cui hanno studiato il sistema assicurativo italiano, a quest'ora il gustoso roditore sarebbe un animale estinto, nonostante la sua proverbiale capacità riproduttiva.

Dal 1° luglio 1994, in ossequio a quanto previsto dalla Terza Direttiva Danni della Comunità Europea, le imprese possono determinare liberamente le tariffe RCA, che, in precedenza, erano amministrate, ovvero stabilite annualmente da una commissione costituita presso il Ministero dell'Industria. I commentatori tutti accolgono con entusiasmo la novità: si sprecano gli inni al libero mercato, le invocazioni a Madonna Concorrenza, la quale garantirà tariffe più basse, nuovi prodotti, nuove modalità di distribuzione, minori costi di gestione.

Bastano un paio d'anni per comprendere che il mercato delle polizze RCA sta andando - ohibò - esattamente nella direzione opposta. All'Antitrust cresce l'inquietudine e nel luglio 1996 si passa all'azione. I segugi vengono sguinzagliati, con l'obbiettivo di compiere una bella indagine conoscitiva riguardante il settore dell'assicurazione autoveicoli.

Il tempo, sette anni, che a qualcuno di voi è servito per sostenere tutti gli esami della facoltà di giurisprudenza, redigere la tesi, svolgere la pratica forense e sostenere l'esame, scritto e orale, per l'abilitazione, i segugi dell'Antitrust lo impiegano per battere le campagne, guardare dietro ogni cespuglio, annusare ogni albero. Nell'aprile 2003, forse sfiancati ma sicuramente soddisfatti, danno finalmente alle stampe una ponderosa relazione di 242 pagine e così rendono pubbliche le loro straordinarie scoperte.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su l'indagine conoscitiva del 2003 nel settore dell'assicurazione rc auto.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.