Canone Rai » Scadenza pagamento: scattano interessi e sanzioni

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Canone Rai: Ormai sono trascorsi i 30 giorni dalla scadenza del pagamento della tassa sull'apparecchiatura televisiva. Ora saranno applicate sanzioni amministrative più severe. Vediamo di cosa si tratta.

Scaduti i primi 30 giorni per pagare il canone Rai. La sanzione amministrativa in questo primo mese di ritardo ammontava a 4,47 euro, equivalenti a un dodicesimo dell'importo per ogni semestre.

La somma complessiva dell'imposta è infatti pari a 113,50 euro.

Trascorso questo primo arco di tempo, però, la cifra aggiuntiva da corrispondere è ora pari a 8,94 euro ovvero un sesto del canone per ogni semestre.

Canone rai: sanzioni più severe

La cifra massima che può essere comminata al contribuente che non ha pagato la tassa, obbligatoria nel caso di detenzione di un televisore ovvero di un apparecchio atto a ricevere radioaudizioni nativamente, è pari a 619 euro.

Se il pagamento non avviene si procede al recupero bonario altrimenti scatta la cartella esattoriale di Equitalia.

Per effettuare il versamento è possibile utilizzare il bollettino postale, recarsi nelle tabaccherie del network Lottomatica Servizi, utilizzare il servizio di carte di credito al telefono, o sfruttare l'app Canone TV per iPhone, iPad e smartphone e tablet equipaggiati con sistema operativo Android.

Si ricorda che è sempre possibile la disdetta legaledichiarando il suggellamento del proprio televisore.

In questo caso occorre inviare una raccomandata con ricevuta di ritorno al seguente indirizzo: Agenzia delle Entrate Direzione Provinciale I di Torino Ufficio territoriale di Torino 1 Sportello S.A.T. Casella postale 22 – 10121 Torino.

Altre possibilità per non pagare il canone Rai sono la rottamazione, furto o incendio, per i quali va richiesta formale disdetta allo stesso indirizzo postale.

L'esonero dal pagamento di una delletasse più contestate è previsto per i militari delle Forze Armate Italiane, quelli di cittadinanza straniera appartenenti alle Forze Nato, agenti diplomatici e consolari, i rivenditori e riparatori TV.

3 marzo 2014 · Giorgio Valli

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.