Viva l'acqua del rubinetto

Per la salute l'acqua resta la migliore delle bibite (razione consigliata per un adulto: 2 litri al giorno). In Italia l'acqua del rubinetto è ovunque di buona qualità. A seconda dei comuni, essa viene persino erogata direttamente dalla sorgente o dalla falda freatica, senza nessun trattamento. Malgrado ciò, gli italiani sono dei grandi consumatori di acqua imbottigliata, con più di 90 litri all'anno per persona. Questo sistema di imballaggio ha un impatto sull'ambiente. Necessita di molta energia (1000 volte di più che per l'acqua del rubinetto) e di molte materie prime per la fabbricazione delle bottiglie e delle etichette, e poi occorre trasportare le bottiglie, spesso su lunghe distanze. Ciò genera pure rifiuti che finiscono presto o tardi per gravare sull'ambiente, anche se il riciclaggio delle bottiglie (vetro, PET) limita in parte gli effetti nocivi. Infine, poiché queste acque si vendono generalmente in confezioni da sei bottiglie (da 6 a 9 kg in totale), il solo loro acquisto giustifica l'utilizzo dell'autovettura, anche per tragitti corti.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.