23 OTTOBRE

Ma la mattina dopo, il 23 ottobre mercoledì, i primi a vendere furono alcuni operatori: quelli che operavano con i margin (comprando cioè le azioni a credito e pagando un anticipo in contanti pari a  solo il 10% del loro valore nominale). Per non correre ulteriori rischi, cercavano di affrettarsi a incassare, correvano a vendere a rotta di collo per colmare l'enorme differenza che si andava creando di ora in ora fra il valore delle azioni comprate allo scoperto nei giorni precedenti (ancora da saldare) e la quotazione sempre più bassa del titolo che la telescrivente senza pietà registrava. A fine seduta qualcuno già ci aveva rimesso le penne, e nemmeno un miracolo sarebbe riuscito a tappare tutti i buchi di quel grande colabrodo che loro stessi con tanta disinvoltura avevano creato. Ma fuori, pochi ancora sapevano del dramma che stava per compiersi. Ma la notizia iniziò a diffondersi, molti non dormirono la notte, la passarono a fare concitate telefonate (New York nel 1929 contava già 1.702.889 telefoni  (6 volte l'intera Italia). E chi possedeva azioni aveva anche il telefono! In quella notte diventò rovente.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • Il mio Blog personale » Blog Archive » 24 ottobre 1929, l'inizio dell'apocalisse per Wall Street - Tutto il crollo minuto per minuto 3 marzo 2009 at 10:45

    [...] WALL  STREET CRASH! [...]