Vorrei sapere se gli ausiliari del traffico possono elevare multe e per quali infrazioni sono autorizzati a farlo.

In relazione agli ausiliari del traffico,  vorrei sapere se possono elevare multe e per quali infrazioni sono autorizzati a farlo.

Grazie

Melina Antuori, Rovereto

I principali organi che possono occuparsi della contestazione e della notifica delle sanzioni relative ad infrazioni stradali sono:

  • in via principale la polizia stradale;
  • la polizia di stato;
  • l'arma dei carabinieri;
  • la guardia di finanza;
  • la polizia provinciale nel suo ambito;
  • la polizia municipale (vigili urbani) nel suo ambito;
  • funzionari del Ministero dell'interno addetti al servizio di polizia stradale;
  • la polizia penitenziaria e il corpo forestale dello stato in relazione ai propri compiti;

In ambito urbano possono emettere le multe anche i cosiddetti “ausiliari del traffico”, per i quali valgono le competenze assegnate dal singolo Comune tramite ordinanze.

Tali competenze sono fissate in modo generico dalla legge 127/97 articolo 17 commi 132/133, le cui disposizioni sono state chiarite e puntualizzate da due recenti sentenze di Cassazione, la numero 18186/2006 e la numero 16777/2007.

In pratica i Comuni possono assegnare ai dipendenti propri o di aziende che gestiscono -in concessione- aree adibite alla sosta funzioni di accertamento dei divieti di sosta nelle aree stesse (comma 132 detto sopra) nonchè assegnare ai dipendenti delle società di trasporto pubblico funzioni di accertamento di divieto di sosta o circolazione nelle corsie riservate al servizio stesso (comma 133 detto sopra).

I casi sono diversi ed è fondamentale distinguere il classico ausiliare -dipendente del comune o della società di parcheggio- dal dipendente/ispettore delle società di trasporto. Ciò può essere fatto sia riferendosi al comma dell'articolo 17 della legge 127/97 citato sul verbale, sia consultando la specifica ordinanza che li nomina e ne specifica le competenze.

E' bene sapere, infine, che gli ausiliari possono anche eseguire contestazioni immediate e redigere verbali, e gli può essere conferita - dal Comune - competenza a disporre la rimozione dei veicoli (legge 488/99 articolo68).

21 ottobre 2008 · Giuseppe Pennuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Gli ausiliari del traffico possono elevare solo multe per divieto di sosta
Da molto tempo si discute sulla validità delle multe emesse dagli ausiliari del traffico, i così detti “vigilini”, istituiti con la legge 15.5.1997 numero 127, più comunemente nota come legge Bassanini bis. Con la sentenza in esame la Corte di Cassazione ha finalmente messo fine alla diatriba affermando il principio ...
Multe - Gli ausiliari del traffico non possono elevare multe ai ciclomotori parcheggiati sui marciapiedi
Gli ausiliari del traffico non possono somministrare multe ai ciclomotori parcheggiati sui marciapiedi. Su tale base la Cassazione ha accolto il ricorso di chi aveva contestato un verbale notificatogli per tale motivo. In primo grado  grado il Giudice di pace aveva ritenuto valido la multa della polizia municipale, conseguito alla segnalazione ...
Multa per divieto di sosta elevata dagli ausiliari del traffico » E' legittima se sussiste l'incarico del Comune
E' valida la multa per divieto di sosta in zona pedonale, elevata dall'ausiliario del traffico, se c'è stato l'incarico del Comune. L'ausiliario del traffico può fare la multa a chi parcheggia in zona pedonale, anche se fuori dall'area in concessione, a patto che vi sia un'autorizzazione del Comune. Questo l'orientamento ...
Gli ausiliari del traffico non sono tutti uguali - Bisogna distinguere i dipendenti comunali dai dipendenti delle concessionarie della gestione dei parcheggi
La legge stabilisce che i comuni possono, con provvedimento del sindaco, conferire funzioni di prevenzione e accertamento delle violazioni in materia di sosta a dipendenti comunali o a dipendenti delle società di gestione dei parcheggi. Per questi ultimi, solo limitatamente alle aree oggetto di concessione. Tali funzioni possono essere conferite ...
Multe elevate dagli ausiliari del traffico » Il tuo prontuario
Gli ausiliari del traffico sono dipendenti comunali, oppure dipendenti delle società che gestiscono i parcheggi o il trasporto pubblico locale. Hanno il potere di elevare multe per determinate infrazioni al codice della strada. In questo articolo approfondiremo i poteri e i limiti di questa figura professionale, andando a spaziare tra ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su vorrei sapere se gli ausiliari del traffico possono elevare multe e per quali infrazioni sono autorizzati a farlo.. Clicca qui.

Stai leggendo Vorrei sapere se gli ausiliari del traffico possono elevare multe e per quali infrazioni sono autorizzati a farlo. Autore Giuseppe Pennuto Articolo pubblicato il giorno 21 ottobre 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 1 maggio 2017 Classificato nella categoria multe ricorsi e sinistri - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • franco lemonnier 8 agosto 2009 at 06:40

    Desidererei sapere se il personale ispettivo del G.T.T può elevare una contravvenzione di un veicolo parcheggiato in un area mercatale, secondo la mia modesta impressione è che solo la Polizia Municipale può accertate la contravvenzione
    cordiali saluti lemonnier franco

    • Di Fabio Casimiro 10 agosto 2009 at 22:33

      Secondo la mia esperienza in materia,le mie ricerche e la lotta che sto conducendo,anche con vari ricorsi c/o il GDP di Torino-Vallette:gli ausiliari del traffico(GTT) non possono elevare multe al difuori delle aree date a loro in concessioni.Il Decreto Sindacale di Torino n.1629/02,è stato emanato non rispettando,nella sua completezza la Legge Bassanini 127/97 art. 17 comma 132 e 133.Per maggiori chiarimenti, legga le seguenti sentenze de Cassazione:n.18186/06,16777/07,5621 del 09/03/09 ed inultima la sentenza del GDP di Torino n.2997/09.Nel caso avesse bisogno di ulteriori ragguagli in merito,lo faccia a 1/2 della posta elettronica. Saluti.

  • MARIA RITA 11 novembre 2008 at 12:10

    vorrei un chiarimento,vorrei sapre se la presenza di ipoteca gidiziale su bene immobile,posta dalle agenzie di recupero credito,possa preguidicare un eventuale vendita dell’immobile tra terzi qundo su questo gia’ grava un’ipoteca bancaria di primo grado.

    • Di Fabio Casimiro 11 agosto 2009 at 06:30

      Non pregiudica la vendita se gli acquirenti si accollino i gravami esistenti su l’immobile,oppure,al momento del rogito,dal ricavato si soddisfano i privileggiati prima ed il resto,se ci sarà,se lo tiene per lei.Mentre,in caso d’insolvenza,in forza di titolo escutivo,possono chiedere al giudice competente di fissare la vendita all’incanto dell’immobile in oggetto e,dal ricavato,prima si soddisfano i privileggiati e le spese,il resto va al proprietario.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca