Vizi nella vendita dell'immobile pignorato - Nullità della procedura

L’ordinanza del giudice dell’esecuzione che fissa le modalità della vendita dell’immobile pignorato va rispettata alla lettera, visto che tali modalità, comprese quelle relative alla pubblicità, sono state ritenute indispensabili all’espletamento della vendita coattiva stessa nelle migliori condizioni possibili in relazione al contesto in cui essa avrebbe dovuto avere luogo.

Ai fini di sanatoria della nullità della vendita dell’immobile pignorato non può essere richiamato l’esito fruttuoso comunque conseguito: da un lato, perché sulla procedura di vendita deve prevalere l’esigenza di trasparenza e legalità dal momento che l’unica gara corretta non è quella che comunque raggiunge un esito, ma solo quella che si svolge secondo le regole fissate, perfino, ed anche, se quell’esito poi non raggiungesse; dall’altro lato e soprattutto perché, dinanzi ad un procedimento connotato da tante variabili, non c’è alcuna possibilità di escludere che, nel rispetto delle condizioni formalmente imposte dal giudice dell’esecuzione per lo svolgimento delle operazioni di vendita, non si sarebbe conseguito un risultato anche migliore.

In definitiva, è proprio l’imponderabilità degli sviluppi di una gara svolta con modalità di pubblicità (e quindi di sollecitazione ad un pubblico indifferenziato e potenzialmente indeterminato) diverse ed ulteriori così come espressamente valutate idonee dal giudice dell’esecuzione, ad impedire di qualificare comunque raggiunto il migliore risultato possibile dalla vendita: il quale non è soltanto il conseguimento di un prezzo almeno pari a quello di stima, ma di un prezzo il più elevato possibile, onde potere soddisfare nella misura massima possibile le ragioni creditorie azionate e restituire un eventuale residuo al debitore.

Così hanno ragionato i giudici della Corte di cassazione redigendo la sentenza 9255/15.

19 Ottobre 2015 · Chiara Nicolai

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Vendita coattiva dell'immobile - Viziata da nullità se le regole cambiano a gioco ormai iniziato
Il termine per il versamento del saldo del prezzo da parte di chi si è già reso aggiudicatario del bene espropriato va reputato perentorio e non prorogabile, per il rispetto di quelle condizioni di forma, sostanza e tempo che devono non solo essere conoscibili e chiare fin dall'avvio di quello, ma soprattutto rimanere tali e restare ferme per tutto lo sviluppo successivo e fino all'emanazione del decreto di trasferimento del bene, onde evitare il mutamento delle regole a gioco ormai iniziato ed avviato. Solo in tal modo, infatti, sono mantenute l'uguaglianza e la parità delle condizioni iniziali tra tutti i ...

Dal pignoramento all'ordinanza di vendita della casa – Schema del processo esecutivo immobiliare
1) Pignoramento Pignoramento anche in base a scrittura privata autenticata. Il pignoramento deve contenere invito ad eleggere domicilio in comune compreso nel circondario del tribunale, con avvertenza che altrimenti le successive notifiche e comunicazioni saranno effettuate presso la cancelleria (articolo 492 c. 2) 2) Istanza di vendita deposito dell'istanza di vendita entro 90 giorni (articolo 497) 3) Deposito certificazione ipocatastale entro 120 giorni, prorogabili per giusti motivi fino ad altri 120 giorni, deposito dell'estratto tavolare e del certificato catastale. In caso di documentazione incompleta termine per integrazione. Se il pignoramento comprende più immobili e la documentazione è incompleta solo per ...

Immobile pignorato e venduto all'asta - Il CTU risponde dei danni causati da una sottostima del bene
Dopo la vendita all'asta di un immobile oggetto di procedura esecutiva e conseguente aggiudicazione, il debitore sottoposto ad esecuzione aveva presentato ricorso al giudice delle esecuzioni lamentando che la stima dell'esperto, con cui era stato fissato il prezzo base d'asta, era viziata per difetto. Dalla successiva istruttoria era emerso che il valore reale dell'immobile pignorato e messo all'asta, tenuto conto della sua intera superficie e dell'aggiornamento della stima ai valori correnti, risultava molto superiore al prezzo di aggiudicazione e, pertanto, il giudice dell'esecuzione aveva revocato l'aggiudicazione disponendo la restituzione delle somme versate dall'acquirente e la restituzione del bene al debitore. ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su vizi nella vendita dell'immobile pignorato - nullità della procedura. Clicca qui.

Stai leggendo Vizi nella vendita dell'immobile pignorato - Nullità della procedura Autore Chiara Nicolai Articolo pubblicato il giorno 19 Ottobre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Settembre 2017 Classificato nella categoria pignoramento ed espropriazione della casa - procedura ordinaria Inserito nella sezione pignoramento

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)