Vizi della cosa venduta - Prescrizione del diritto alla garanzia

Come è noto, gli effetti della garanzia per la cosa venduta prevedono che il compratore possa domandare a sua scelta la risoluzione del contratto (azione redibitoria), ovvero la riduzione del prezzo (azione estimatoria), salvo che, per determinati vizi, gli usi escludano la risoluzione. La scelta tra le due forme di tutela può avvenire fino al momento della proposizione della domanda giudiziale e da tale momento è irrevocabile.

Alla risoluzione del contratto conseguono effetti restitutori in quanto il venditore è tenuto a restituire il prezzo e a rimborsare al compratore le spese e i pagamenti sostenuti per la vendita, mentre il compratore deve restituire la cosa, a meno che questa non sia perita a causa dei vizi. L’articolo 1494 del codice civile riconosce, inoltre, al compratore il diritto al risarcimento del danno, a meno che il venditore non dimostri di aver ignorato senza sua colpa l’esistenza dei vizi. Il venditore è, altresì, tenuto a risarcire i danni derivanti dai vizi. La garanzia resta esclusa se, al momento della conclusione del contratto, il compratore era a conoscenza dei vizi o questi erano facilmente riconoscibili secondo l’ordinaria diligenza, a meno che il venditore abbia dichiarato che la cosa ne era esente.

Il compratore decade dal diritto alla garanzia, se non denunzia i vizi al venditore entro otto giorni dalla scoperta, salvo il diverso termine stabilito dalle parti o dalla legge. L’azione si prescrive, in ogni caso, in un anno dalla consegna; ma il compratore, che sia convenuto per l’esecuzione del contratto (ad esempio, chiamato in giudizio per il mancato pagamento della cosa venduta affetta da vizi), può sempre far valere la garanzia, purché il vizio della cosa sia stato denunziato entro otto giorni dalla scoperta e prima del decorso dell’anno dalla consegna (articolo 1495 del codice civile).

Quindi, in tema di compravendita, il termine di decadenza dalla garanzia per vizi occulti decorre solo dal momento in cui il compratore abbia acquisito la certezza oggettiva dell’esistenza e della consistenza del vizio lamentato, non essendo sufficiente il semplice sospetto.

Ed è importante puntualizzare come sia anche stato condivisibilmente affermato il principio secondo cui il termine di decadenza per la denunzia dei vizi della cosa venduta, ai sensi dell’articolo 1495 del codice civile, decorre solo dal momento in cui il compratore abbia acquisito la piena cognizione sul piano oggettivo dell’esistenza del vizio, con la conseguenza che ove la scoperta avvenga in via graduale ed in tempi diversi e successivi, in modo da riverberarsi sull’entità del vizio stesso, occorre fare riferimento al momento in cui sia effettivamente e compiutamente emersa la relativa scoperta.

La domanda che ci si pone è se la prescrizione breve del diritto alla garanzia che interviene, comunque, decorso un anno dalla consegna della cosa venduta, possa ritenersi interrotta da comunicazioni notificate (quindi inviate con raccomandata AR) dall’acquirente al venditore, nelle quali si contesta l’esistenza di vizi nel bene acquistato.

Ebbene, i giudici delle sezioni unite della Corte di cassazione, con la sentenza 18672/2019, hanno stabilito che la prescrizione della garanzia per vizi della cosa venduta è interrotta dalla comunicazione di notifica al venditore della volontà del compratore di esercitarla benché questi riservi ad un momento successivo la scelta del tipo di tutela.

In termini tecnici, è stato enunciato il principio di diritto secondo il quale nel contratto di compravendita, costituiscono – ai sensi dell’articolo 2943, comma 4, codice civile – idonei atti interruttivi della prescrizione dell’azione di garanzia per vizi, prevista dall’articolo 1495, comma 3, del codice civile, le manifestazioni extragiudiziali di volontà del compratore (compiute nelle forme di cui all’articolo 12191 comma 1, del codice civile).

17 Agosto 2019 · Carla Benvenuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Garanzia per i vizi della cosa venduta - Se la consegna della merce è successiva alla conclusione del contratto l'acquirente può eccepirne comunque i vizi anche se aveva già visionato la merce presso il venditore
Il codice civile, all'articolo 1491 (esclusione della garanzia) dispone che non è dovuta la garanzia se al momento del contratto il compratore conosceva i vizi della cosa e ugualmente la garanzia non è dovuta, se i vizi erano facilmente riconoscibili, salvo, in questo caso, che il venditore abbia dichiarato che la cosa era esente da vizi. La ratio della norma è quella per cui, se il compratore conosce i vizi, la garanzia non ha ragione di esistere in quanto si presume che abbia inteso acquistare il bene nello stato in cui si trovava, quindi viziato. Tuttavia, nel contratto di compravendita, ...

Cosa venduta - Differenze fra garanzia per i vizi e garanzia di buon funzionamento
La disciplina della garanzia per vizi della cosa venduta pone il venditore in una situazione non tanto di obbligazione, quanto di soggezione rispetto all'iniziativa del compratore, intesa alla modifica del contratto od al suo annullamento: il compratore non dispone di un'azione di esatto adempimento per ottenere dal venditore l'eliminazione dei vizi della cosa venduta, rimedio che gli compete solo in particolari ipotesi di legge (garanzia di buon funzionamento, vendita di beni di consumo) o qualora il venditore si sia specificamente impegnato alla riparazione del bene. La denuncia dei vizi della cosa venduta non richiede necessariamente una dettagliata esposizione dei vizi, ...

Garanzia per i vizi della cosa venduta - Il termine breve di otto giorni per la denuncia vale solo se il vizio è apparente
In tema di garanzia per vizi della cosa venduta, il termine breve di otto giorni per la denuncia (solo per il "vizio apparente", che è quello rilevabile attraverso un rapido e sommario esame del bene utilizzando una diligenza inferiore a quella ordinaria) decorre dal giorno del ricevimento della merce, mentre per gli altri vizi il termine decorre dal momento della "scoperta", la quale si ha allorquando il compratore abbia acquistato "certezza" (e non semplice sospetto) che il vizio sussista. È vero, pertanto, che, in tema di vendita di cose mobili da trasportare da un luogo ad un altro, l'art. 1511 ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su vizi della cosa venduta - prescrizione del diritto alla garanzia. Clicca qui.

Stai leggendo Vizi della cosa venduta - Prescrizione del diritto alla garanzia Autore Carla Benvenuto Articolo pubblicato il giorno 17 Agosto 2019 Ultima modifica effettuata il giorno 17 Agosto 2019 Classificato nella categoria mutui ipotecari acquisto casa locazioni » mini guide Inserito nella sezione prescrizione dei debiti

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)