Violazione degli obblighi di assistenza familiare – Quando ricorrono gli estremi del reato

Va innanzitutto precisato che per mezzi di sussistenza devono intendersi tutti quelli diretti a far fronte alle esigenze primarie (vitto e alloggio). Sempre fra i mezzi di sussistenza vanno compresi anche quelli che consentano, in rapporto alle capacità economiche dell'obbligato, un sia pur contenuto soddisfacimento di altre complementari esigenze della vita quotidiana, quali l'abbigliamento, i libri di istruzione, i mezzi di trasporto, i mezzi di comunicazione, lo svago.

L'inadempimento, seppure parziale, della corresponsione dell'assegno alimentare a moglie e figli minori, finalizzato a procurare ai propri familiari i mezzi di sussistenza primari e complementari, è idoneo ad integrare il reato di violazione degli obblighi di assistenza familiare.

L'inadempimento deve essere sufficientemente protratto nel tempo e comunque tale da incidere in maniera apprezzabile sulle disponibilità dei mezzi di sussistenza destinata a soddisfare i bisogni elementari del coniuge separato e dei figli.

La sola omessa corresponsione dell'assegno di mantenimento al coniuge separato non è sufficiente a integrare il reato di violazione degli obblighi di assistenza familiare, essendo richiesta la sussistenza dello stato di bisogno; stato di bisogno che emerge laddove, ad esempio, per superare la propria indigenza, il coniuge separato è costretto a ricorrere all'aiuto dell'assistenza pubblica, a quello dei familiari ed alla ricerca di un'attività di lavoro.

La prova dello stato di bisogno, invece, è superflua quando non viene adempiuto l'obbligo della corresponsione dell'assegno di mantenimento riservato ai figli minori, dato che la condizione di bisogno della persona minore di età è oggettiva e presunta in ragione della sua incapacità a produrre reddito e, naturalmente, essa non viene meno se il genitore affidatario provvede ad impedirla con il proprio lavoro o con l'intervento di altri congiunti, tenuto conto che l'onere del mantenimento deve essere equamente ripartito tra i genitori.

Per quanto attiene gli oneri probatori sull'eventuale impossibilità ad adempiere da parte del genitore obbligato al mantenimento, va precisato che spetta a quest'ultimo dimostrare l'assenza di necessità di un sostegno economico a coniuge separato e figli minori nonché la propria impossibilità ad adempiere a fronte di uno specifico obbligo imposto dal giudice. La prova, idonea ad escludere la responsabilità penale dell'obbligato, deve essere, non solo rigorosa, ma deve riguardare tutto il periodo dell'inadempimento a ciò non bastando neppure la generica indicazione dello stato di disoccupazione, inidonea ad escludere la responsabilità.

Questi sono gli orientamenti emersi dalla lettura della sentenza 49543/14 della Corte di cassazione.

28 Novembre 2014 · Ornella De Bellis


Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) utilizza il form che trovi più in basso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e/o Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza zero voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it




Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!