Vaglia postale non trasferibile - prescrizione per beneficiario e richiedente

Il credito incorporato nel vaglia postale si prescrive il 31 dicembre del secondo anno successivo a quello di emissione.

Va tuttavia precisato che detta prescrizione opera con riguardo al titolo ed al credito del beneficiario del vaglia, ma non nei confronti del richiedente il vaglia. Rispetto all'azione di quest’ultimo opera invece il termine ordinario di prescrizione decennale.

La restituzione dei vaglia all'emittente è ovviamente condizione necessaria per ottenere da questo la restituzione dei fondi.

Così ha stabilito l'Arbitro Bancario finanziario con la decisione N. 3559 del 04 luglio 2013.

2 giugno 2014 · Simonetta Folliero

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su vaglia postale non trasferibile - prescrizione per beneficiario e richiedente. Clicca qui.

Stai leggendo Vaglia postale non trasferibile - prescrizione per beneficiario e richiedente Autore Simonetta Folliero Articolo pubblicato il giorno 2 giugno 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 1 maggio 2017 Classificato nella categoria prescrizione assegni e cambiali (azione diretta di regresso e causale) - depositi in conto corrente libretti buoni postali e vaglia Inserito nella sezione prescrizione dei debiti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca