Innanzitutto il debitore deve accertarsi che il soggetto a cui effettua i pagamenti sia legittimato alla riscossione

Indice dei contenuti dell'articolo


Innanzitutto il debitore deve accertarsi che il soggetto a cui effettua i pagamenti sia legittimato alla riscossione del debito. Occorre dunque che le venga trasmessa copia conforme della documentazione attestante la cessione dei diritti dal creditore originario al soggetto giuridico con cui sta perfezionando il concordato.

18 Settembre 2010 · Chiara Nicolai

Indice dei contenuti dell'articolo


Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su innanzitutto il debitore deve accertarsi che il soggetto a cui effettua i pagamenti sia legittimato alla riscossione. Clicca qui.

Stai leggendo Innanzitutto il debitore deve accertarsi che il soggetto a cui effettua i pagamenti sia legittimato alla riscossione Autore Chiara Nicolai Articolo pubblicato il giorno 18 Settembre 2010 Ultima modifica effettuata il giorno 16 Ottobre 2020 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - eredità successione e donazioni - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Anonimo 28 Maggio 2019 at 09:37

    Vivo in paese Ue da circa 4 anni. In Italia ho lasciato una casa che stanno mettendo all’asta ma ho avuto molti problemi finanziari. Nel caso la vendita della casa non riesce a soddisfare tutti i creditori possono venire a pignorare il conto bancario e lo stipendio?
    Siamo iscritti all’AIRE.
    Mia moglie lavora part-time e io percepisco un assegno di disoccupazione.

    • Simone di Saintjust 28 Maggio 2019 at 09:50

      Non si può escludere, ma l’evento è alquanto improbabile. Tutto dipende dell’entità del debito e dalla determinazione del creditore.

  • Anonimo 17 Maggio 2019 at 09:39

    Cambiale protestate ed in possesso di una finanziaria: il debitore vuole assolvere al pagamento totale. La finanziaria pretende di rilasciare la quietanza liberatoria entro 2 mesi. Tenendo presente che alla richiesta del numero pratica e del soggetto addetto alla stessa, dicono che non è necessario. Come si può effettuare un bonifico non identificando a quale pratica si riferisce? ed è possibile effettuare il pagamento senza ricevere quietanza liberatoria? Tenendo presente che il creditore è disponibile a recarsi presso la finanziaria e pagare con moneta legale.

    • Ludmilla Karadzic 17 Maggio 2019 at 10:21

      Il numero di posizione debitoria, con identificazione del codice fiscale del debitore, somma dovuta e modalità della sua formazione (interessi applicati) sono elementi fondamentali da conoscere. Così pure non si può rinunciare ad una quietanza liberatoria salvo buon fine del bonifico con, soprattutto, impegno del creditore a restituire tutte le cambiali.