Vacanza rovinata » Non c'è risarcimento se spiaggia è impraticabile

Albergatore non deve risarcire il cliente per il danno da vacanza rovinata se la spiaggia è infestata da alghe » Sentenza Cassazione

L’albergatore non deve risarcire il turista per l’insoddisfacente fruibilità della spiaggia infestata da alghe.

Lo ha stabilito la Corte di Cassazione la quale, con la sentenza 13192 del 28 maggio 2013, ha sancito che: In tema di risarcimento del danno da “vacanza rovinata”, è respinta la domanda da parte del cliente per l’insoddisfacente fruibilità della spiaggia infestata da alghe: la prescrizione contenuta nell’articolo 366 Cpc, secondo la quale il ricorso per cassazione deve a pena d’inammissibilità contenere l’esposizione sommaria dei fatti di causa, non può ritenersi osservata quando il ricorrente come nella specie si limiti a riprodurre nei motivi del ricorso (tutti o parte degli) atti o documenti del giudizio di merito. Ai fini del rispetto del principio di autosufficienza è infatti necessario che vengano riportati nel ricorso gli specifici punti di interesse nel giudizio di legittimità, con eliminazione del “troppo e del vano”, non potendo gravarsi la Suprema corte del compito, che non le appartiene, di ricercare negli atti del giudizio di merito ciò che possa servire al fine di utilizzarlo per pervenire alla decisione da adottare.

Secondo i Supremi Giudici, quindi, l’utente non ha diritto al risarcimento dei danni sofferti da vacanza rovinata.

Albergatore non deve risarcire il cliente per il danno da vacanza rovinata se la spiaggia è infestata da alghe » Il fatto
Gli ermellini hanno respinto il ricorso di una coppia contro la decisione della Corte d’appello di Milano che non aveva accettato la loro domanda di risarcimento dei danni a seguito di una vacanza rovinata.

Secondo la coppia, c’era stata disfunzione della camera dell’hotel l’insoddisfacente fruibilità della spiaggia infestata da alghe.

A parere dei giudici di piazza Cavour, però, la prescrizione contenuta nell’articolo 366 del Codice di Procedura Cile (secondo la quale il ricorso per cassazione deve, a pena d’inammissibilità, contenere l’esposizione sommaria dei fatti di causa) non può ritenersi osservata quando il ricorrente si limiti a riprodurre nei motivi del ricorso atti o documenti del giudizio di merito.

Inoltre, ai fini del rispetto del principio di autosufficienza è necessario che vengano riportati nel ricorso gli specifici punti di interesse nel giudizio di legittimità.

Questo, con eliminazione del “troppo e del vano”, non potendo gravarsi la Suprema corte del compito, che non le appartiene, di ricercare negli atti del giudizio di merito ciò che possa servire al fine di utilizzarlo per pervenire alla decisione da adottare.

Il ricorso, dunque, è inammissibile, e alla coppia di coniugi non resta che pagare quasi duemila euro di spese.

7 Giugno 2013 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Stop alla dogana senza visto? » Agenzia di viaggi tenuta al risarcimento danni
L'agenzia di viaggi rischia di pagare il risarcimento danni se, al momento del viaggio di nozze esotico, la moglie extracomunitaria del cittadino italiano è bloccata alla dogana del Paese straniero per la mancanza del visto d'ingresso. Infatti, la compagnia è responsabile se a uno dei due coniugi viene negato l'ingresso nel paese straniero perché è senza visto. L'agenzia è tenuta a fornire tutte le informazioni sui documenti necessari. Inoltre, entrambi i coniugi sono da ritenere danneggiati dal relativo inadempimento perché lo scopo perseguito dai contraenti riguardava un risultato unitario e di interesse comune, pur se formalmente realizzato tramite atti diversi. ...

Risarcimento danni per vacanza rovinata » La guida per il consumatore
E' oramai periodo di vacanze, per molti italiani, alle prese con le tanto agognate ferie estive. In molti lasceranno le città per concedersi qualche giorno di riposo, villeggiando al mare, in montagna o dovunque si possa beneficiare di un po' di svago. Ma, purtroppo non sempre si riesce ad avere dalla villeggiatura quello che ci si aspetta. Purtroppo, a volte, a causa di tour operator poco affidabili, trasporti lenti e infidi, disservizi, strutture inadeguate, le vacanze possono giocare un brutto scherzo ai consumatori, che spesso tornano più tesi e stressati di prima. Per tutti quelli che hanno subito "ingiustizie", durante ...

Danno da vacanza rovinata » Le norme e gli orientamenti giurisprudenziali
Tempo di ferie, per molti italiani, alle prese con le tanto agognate vacanze estive. In milioni partiranno per concedersi qualche giorno di riposo, villeggiando al mare, in montagna o dovunque si possa beneficiare di un po' di svago. Ma, purtroppo non sempre si riesce ad avere dalla villeggiatura quello che ci si aspetta. Infatti, a causa di tour operator poco affidabili, trasporti lenti e infidi, disservizi, strutture inadeguate, le vacanze possono giocare un brutto scherzo ai consumatori, che spesso tornano più tesi e stressati di prima. Per tutti quelli che hanno subito "ingiustizie", durante il meritato periodo di riposo, è ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su vacanza rovinata » non c'è risarcimento se spiaggia è impraticabile. Clicca qui.

Stai leggendo Vacanza rovinata » Non c'è risarcimento se spiaggia è impraticabile Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 7 Giugno 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 20 Luglio 2020 Classificato nella categoria risarcimento per danni a persone e cose Inserito nella sezione tutela consumatori

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)