Le perplessità sulla nuova banca dati per utenti di telefonia morosi

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento, oppure qui o consultando questa sezione.

A parere degli addetti ai lavori, lo scopo di costituire il Sit è quello di evitare che il fenomeno in costante aumento del turismo telefonico finisca per scaricarsi addosso a chi paga regolarmente, ovvero che tutti i milioni di perdite che hanno gli operatori telefonici finiscano per ricadere sui conti degli utenti onesti.

A nostro parere, invece, sembra l'ennesima palese violazione del diritto alla privacy dei cittadini garantito dal Codice della privacy.

Tale sistema, inoltre, suscita non poche perplessità dal momento che andrebbe a creare una banca dati settoriale (delle TLC) di dimensioni ampissime, in grado di bloccare il mercato delle stesse TLC.

Infine è stato specificamente ricordato come la stessa Autorità per la Privacy abbia in più occasioni dichiarato la sua netta contrarietà alla schedatura" dei clienti morosi per profili non prettamente aderenti alla funzione di valutazione del merito creditizio (per cui il nostro ordinamento concede il restringimento del diritto alla privacy dei clienti).

24 dicembre 2014 · Patrizio Oliva

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca