Usura su tasso di mora - dovuti comunque gli interessi corrispettivi

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

In tema di contratti di prestito, ed in particolare di mutuo fondiario, la giurisprudenza di legittimità ha già ampiamente chiarito che possono ritenersi usurari non solo gli interessi corrispettivi, ma anche gli interessi di mora: non v’è ragione, infatti, per escluderne l’applicabilità della soglia di usura anche nelle ipotesi di ritardo colpevole nel pagamento delle rate, dal momento che tale ritardo non giustifica di per sé il permanere della validità di un’obbligazione così onerosa e contraria al principio generale posto dalla legge.

Vale pertanto il principio di diritto per cui il tasso soglia al di là del quale gli interessi sono considerati usurari riguarda non solo gli interessi corrispettivi, ma anche quelli moratori.

Tuttavia, la verifica dell’eventuale superamento del tasso soglia deve essere autonomamente eseguita con riferimento a ciascuna delle due categorie di interessi, senza sommarli tra loro, come è stato invece isolatamente sostenuto in qualche pronuncia di merito. In sostanza, è necessario che siano non usurari sia il tasso corrispettivo, sia il tasso moratorio concretamente applicati; ma in tutta evidenza, irrilevante ai fini dello scrutinio sull’usura è la sommatoria del tasso corrispettivo e del tasso usurario, atteso che detti tassi sono dovuti in via alternativa tra loro.

Resta da capire se, in caso di usurarietà dei soli interessi moratori e non anche di quelli corrispettivi, cosa succede: nessun interesse, né corrispettivo né moratorio, è dovuto dal debitore oppure solo gli interessi corrispettivi risultano dovuti, in quanto convenzionalmente fissati al di sotto della soglia d’usura.

In assenza di precedenti di legittimità sul punto, ha provato a risolvere la questione il Tribunale di Chieti con la sentenza 230/15. I giudici teatini ritengono che l’usurarietà degli interessi moratori travolge solo questi ultimi e non anche gli interessi corrispettivi legittimamente pattuiti.

Infatti, questo il ragionamento giuridico seguito, se gli interessi corrispettivi, convenuti entro il tasso soglia, continuano ad essere dovuti nel rispetto del piano di ammortamento rateale, l’invalidità della clausola contrattuale concernente la mora determina la non debenza degli interessi moratori, ma solo di tali interessi, senza che ciò comporti la conversione in mutuo gratuito di un mutuo contenente interessi moratori usurari; tanto più che in mancanza di tasso di mora, s’applica comunque quello corrispettivo o legale. Pertanto, gli interessi corrispettivi, ove contenuti entro il tasso soglia, continueranno ad incrementare il capitale finché il rimborso rateale prosegue nel rispetto del piano di ammortamento; mentre al verificarsi dell’inadempimento, non saranno dovuti gli interessi moratori pattuiti, in quanto contenuti in una clausola nulla, ma, in ragione della decadenza dal beneficio del termine, ove prevista e fatta valere, risulterà esigibile per intero, ed immediatamente, il capitale maggiorato dagli interessi corrispettivi.

Il principio di diritto che può allora essere enucleato, a parere dei giudici teatini, è quello in base al quale se il superamento del tasso soglia riguarda solo gli interessi moratori, la nullità prevista dal codice civile (ex art. 1815) colpisce esclusivamente la clausola concernente i medesimi interessi moratori, senza intaccare l’obbligo di corresponsione degli interessi corrispettivi, convenzionalmente fissati al di sotto del tasso di usura.

7 Settembre 2015 · Chiara Nicolai

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Usura » interessi moratori interessi corrispettivi e tasso soglia
Ai fini della verifica del superamento della soglia di usura gli interessi di mora vanno sommati a quelli corrispettivi? Facciamo chiarezza con questo piccolo ed utile vademecum. Sulla famosa sentenza della Corte di Cassazione numero 350/2013, inerente al tema dell'usura e degli interessi di mora ci sono state numerose interpretazioni. E' bene notare, però, che la Suprema Corte non ha affatto sancito che gli interessi di mora debbano essere cumulati agli interessi corrispettivi. Gli Ermellini, infatti, si sono limitati a ribadire, in conformità alla propria giurisprudenza, il principio di diritto che anche gli interessi di mora soggiacciono all'usura. Per comprendere ...

Contratti di prestito » Interessi corrispettivi, interessi moratori, cumulo e raffronto con il tasso soglia di usura - La clausola di salvaguardia
Bisogna innanzitutto che si faccia chiarezza su cosa si debba intendere come cumulo degli interessi corrispettivi e moratori. L'interesse corrispettivo costituisce la remunerazione concordata per il godimento diretto di una somma di denaro, avuto riguardo alla normale produttività della moneta. L'interesse di mora, secondo quanto previsto dall'articolo 1224 del codice civile, rappresenta invece il danno conseguente l'inadempimento di un'obbligazione pecuniaria. Secondo la regola generale, l'interesse di mora è dovuto nella misura legale o, se maggiore, nella medesima misura degli interessi corrispettivi eventualmente previsti dal contratto. È fatta salva la possibilità per il creditore di provare il maggior danno. Il comma ...

Mutui » interessi moratori e corrispettivi non vanno sommati per confrontarli con soglia di usura
Alcuni recenti provvedimenti dei Tribunali, sia di merito che di Cassazione, hanno disatteso le aspettative di migliaia di clienti che volevano rivalersi nei confronti delle banche, accusate di aver applicato tassi a usura sui mutui ipotecari. Alcune pronunce giurisprudenziali hanno confermano, purtroppo, che i tassi moratori, promessi in contratto, non vanno sommati aritmeticamente con quelli degli interessi corrispettivi per confrontarli con i tassi della soglia d'usura. Il Tribunale di Napoli, ad esempio, con la sentenza 5949/14, ha osservato che la nota pronuncia della Cassazione 350/2013 non ha assolutamente stabilito che i tassi degli interessi corrispettivi debbano essere sommati con quelli ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su usura su tasso di mora - dovuti comunque gli interessi corrispettivi. Clicca qui.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)