I vertici di Findomestic rinviati a giudizio per usura bancaria

Usura bancaria » I dirigenti di Findomestic a processo: il punto sulla situazione

Negli ultimi giorni, si sta parlando molto del rinvio a giudizio dei vertici di Findomestic per il reato di usura bancaria: facciamo il punto sulla situazione.

E’ una delle tante storie di usura bancaria, ma a renderla particolare è il fatto che stavolta la denuncia non è stata archiviata come accaduto in centinaia di altri casi in tutta Italia.

Anzi, alla procura di Verona il fatto è stato preso molto sul serio e il pubblico ministero ha chiesto il rinvio a giudizio dei vertici di Findomestic, per il reato di usura bancaria in concorso fra loro, con l’aggravante di aver commesso il fatto nell’esercizio dell’attività di intermediazione finanziaria.

L’udienza preliminare si terrà il 9 giugno 2017 prossimo e il quadro probatorio sembra piuttosto solido, tanto che nella richiesta di rinvio a giudizio il pm sottolinea che il superamento del tasso soglia usura deve ritenersi verificato stante la previsione in contratto, oltre al tasso di mora, di una penale dell’8% per mensilità scadute e non pagate.

Ma vediamo di capirci di più nei paragrafi successivi.

Che cosa si intende per usura bancaria

Prima di entrare nel merito della questione findomestic, spieghiamo, in parole povere, cosa si intende per usura bancaria.

L’usura bancaria è la pratica che consiste nel fornire prestiti a tassi di interesse elevati considerati illegali.

Più semplicemente si definisce tasso di interesse usurario quello che supera le soglie stabilite dalla legge sulle operazioni di finanziamento.

Si è quindi in presenza di usura bancaria quando l’interesse annuo effettivo supera il tasso soglia pubblicato dalla Banca d’Italia tenute in considerazione tutte le forme di remunerazione chieste dalla banca a cui ci si è rivolti escludendo l’imposta di bollo statale.

I soggetti colpiti e vittime di usura bancaria possono essere aziende private, come enti pubblici e soggetti privati: chiunque abbia avuto bisogno di un finanziamento e che si sia rivolto ad un istituto bancario.

Per determinare se si è in presenza di usura bancaria sugli interessi è fondamentale valutare quali oneri debbano essere inclusi per il raffronto con il tasso soglia fornito dalla Banca d’Italia: solo gli interessi convenzionali? O anche le penali, le spese e gli interessi moratori?

Inoltre, occorre valutarli separatamente o sommare il tasso convenzionale con il tasso di mora?

Queste difficoltà di valutazione nel comprendere se si è vittima di usura bancaria indicano che non si tratta tanto di una questione di conteggio quanto invece di una valutazione giuridica di cosa vada considerato e cosa vada ignorato.



Il caso di usura bancaria di findomestic

Analizziamo nel dettaglio il caso di usura bancaria perpetrato da findomestic nei confronti dei consumatori.

La storia inizia nel 2007 con la concessione di un finanziamento di 25000 euro e una carta di credito revolving con un limite di fido di 1.500 euro.

Dopo aver regolarmente pagato le prime cinque rate del finanziamento sono sorti i primi problemi e Findomestic ha iniziato ad addebitare al cliente ulteriori oneri a titolo di indennità per il ritardato pagamento.

Nel 2009, a seguito di diverse rate e penali non pagate, Findomestic ha chiesto il rientro immediato, quantificando in poco più di 26.700 euro l’importo da pagare comprensivo di rate arretrate, debito residuo, indennità di ritardato pagamento e penali sul debito residuo.

Il debitore, trovandosi in grosse difficoltà economiche dovute anche –non era in condizioni di sottoporre a un’analisi tecnico-contabile il contratto di finanziamento e la somma omnicomprensiva richiesta da Findomestic per estinguere il debito. Lo farà nel 2015, quando il rischio di un’azione coattiva nei suoi confronti diverrà concreto.

Dall’analisi tecnica del rapporto con Findomestic emergono fatti gravi.

Innanzitutto, la banca non ha mai fornito il piano d’ammortamento, impedendo così al cliente di conoscere alle varie scadenze l’ammontare del debito residuo e quanta parte delle rate mensili è costituita da interessi e quanta da capitale.

Si tratta di una violazione del Testo unico bancario e della legge sulla trasparenza che si riscontra in molti casi di usura bancaria, ma non può non colpire il fatto che un operatore delle dimensioni di Findomestic all’atto della stipula del contratto di finanziamento non abbia fornito al cliente un piano d’ammortamento.

Dall’analisi emerge anche che è il contratto in sé, per via delle sue clausole, a risultare affetto da usura.

Considerando solo il costo del credito effettivamente sostenuto dal cliente dalla stipula del contratto alla dichiarazione di inadempienza, risulta essere pari al 17,384% su base annua, un valore ampiamente superiore alle soglie d’usura dell’epoca (15,7% nel trimestre di stipula del contratto, 14,895% quando la banca ha chiesto al cliente di rientrare).

A questo dato si aggiunge poi l’indennità dell’8% per i ritardati pagamenti che – secondo i calcoli effettuati dal consulente indipendente – si attesterebbe addirittura al 93,77% su base annua.

Per quanto riguarda la carta di credito revolving, anche questo pare un caso di usura contrattuale con tassi che in alcuni periodi avrebbero raggiunto il 34,7% e il 121,65% annuo per effetto anche della capitalizzazione degli interessi.

Se il giudice per le indagini preliminari accoglierà la richiesta del pm veronese e deciderà per il rinvio a giudizio degli imputati, per Findomestic potrebbe aprirsi un problema serio: anche altri clienti, infatti, potrebbero essere indotti a denunciare amplificando il danno reputazionale e i rischi di condanna con tutto ciò che ne consegue.

8 giugno 2017 · Andrea Ricciardi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su i vertici di findomestic rinviati a giudizio per usura bancaria. Clicca qui.

Stai leggendo I vertici di Findomestic rinviati a giudizio per usura bancaria Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 8 giugno 2017 Ultima modifica effettuata il giorno 4 novembre 2017 Classificato nella categoria conti correnti bancari e postali e libretti di deposito a risparmio Inserito nella sezione assegni cambiali e conti correnti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca