Una soffiata da ex addetta call center Finanziaria

e e’ italiano hanno tutti i mezzi per sapere nel giro di poche ore tutte le situazioni contabili e di beni, quindi quando telefonano sanno gia’ tutto di noi poveri cristi e questo con la complicita’ delle banche e di direttori compiacenti! Ho seguito io una telefonata alla sede centrale di una importane banca.

Morale: non hanno nessun mezzo per romperci le balle!! se non il doverli sentire troppo spesso.

Non sono Dei, sono solo dei poveracci che fanno un lavoro di m…, peccato che a qualcuno piaccia essere mandato aff….

Cagliostro1949

Messaggi: 319 – Iscritto il: 04/09/2010, 20:44

La discussione continua in questo forum.

Per porre una domanda agli esperti, accedi al forum.

7 Novembre 2010 · Simone di Saintjust

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Argomenti correlati: 

Approfondimenti

Call center molesti » Intervento del garante della privacy
Stop alle telefonate "mute" dai call center: l'Autorità per la tutela della privacy definisce regole per una pratica commerciale che che può arrivare a indurre stati di ansia e disagio nei destinatari. Il telefono squilla, voi rispondete ma dall'altra parte c'è solo il silenzio. È il silenzio di chi ci appresta a venderci qualcosa, la nuova frontiera del telemarketing importuno. Le telefonate mute a scopo commerciale sono state così frequenti negli ultimi tempi da spingere l'Autorità per la tutela della privacy a intervenire con alcune regole, per la prima volta. Si cerca così di bloccare un fenomeno che ingenera nel ...

Call center e contratti co.co.co senza progetto » Via libera del ministero
Il Ministero del Lavoro, con la circolare numero 12693/2013 affronta alcuni aspetti della disciplina prevista nella riforma Fornero e nella legge Biagi in materia di lavoro a progetto per il settore dei call center. Il chiarimento riguarda la deroga ai requisiti per la corretta stipulazione delle collaborazioni da parte dei call center che svolgono attività outbound. La deroga consiste nella non necessità della sussistenza di uno o più progetti specifici determinati dal committente e gestiti autonomamente dal collaboratore, del collegamento a un determinato risultato finale e del divieto di mera riproposizione dell'oggetto sociale del committente. Ora il ministero precisa che ...

call center e debitore
Siamo di fronte alla solita chiamata del ragazzino addetto al contact center a cui nessun debitore ha ancora fatto passare un guaio. Si figuri se per la gestione di un ritardo di due rate il creditore procede per decreto ingiuntivo, finalizzato ad ottenere il pignoramento dello stipendio. Il fermo amministrativo, poi, è una procedura di riscossione coattiva di tipo esattoriale, permessa solo ad Equitalia e ad altri agenti per la riscossione e finalizzata esclusivamente al recupero di imposte non pagate. Per quanto attiene le visite dell'addetto al recupero presso il posto di lavoro, non le resta che segnalare direttamente alla ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su una soffiata da ex addetta call center finanziaria. Clicca qui.

Stai leggendo Una soffiata da ex addetta call center Finanziaria Autore Simone di Saintjust Articolo pubblicato il giorno 7 Novembre 2010 Ultima modifica effettuata il giorno 12 Dicembre 2016 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - eredità successione e donazioni - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)