Pignoramento dell'assegno familiare e dello stipendio

Pignoramento assegno e stipendio

Avevo un c\c bancario ed un fido ed il mio debito ammontava a circa euro 3400 circa poi divenuti circa 5500 aggiungendo tutte le spese inerenti l’atto ingiuntivo che mi hanno notificato.

Tale importo non ho potuto più restituirlo per il semplice fatto che successivamente ho dovuto affrontare una separazione da mia moglie.

Considerato che sono un dipendente pubblico e il mio stipendio netto mensile comprensivo di assegno familiare è di circa 1550-1600 euro, il giudice ha stabilito un importo mensile di mantenimento per la mia ex moglie e i miei due figli di 700 euro (500 euro ai miei figli e 200 euro a lei in quanto non lavora) detratti direttamente dalla mia busta paga in seguito alla richiesta della mia ex moglie riducendo così il mio stipendio netto mensile ad euro 900 (700 stipendio + 200 assegno familiare che il giudice ha assegnato a me).

Premesso questo, le mie domande sono:

-essendo la somma che verso per il mantenimento alla mia ex moglie e ai miei figli pari al 44% dell’intero stipendio netto possono pignorarmi altro per far fronte al credito bancario???

-possono pignorarmi l’assegno familiare??

In seguito alla separazione quello che mi è rimasto di stipendio non mi basta per il mio sostentamento e ho dovuto appoggiarmi a casa dei miei genitori in attesa di una risoluzione del problema non dichiarando la mia residenza e risultando irreperibile all’anagrafe, pertanto in seguito alla notifica del pignoramento per il credito sopraccitato il giudice mi ha chiesto di comunicare la residenza stabilendo il giorno 06.02.2012 un’udienza per sentirmi e farsi dichiarare dal rappresentante del mio ente il l’ammontare del mio stipendio.

Mi chiedo cosa devo comunicare al giudice visto che non ho residenza?

Applicazione pratica delle regole di pignorabilità

Lei ha uno stipendio al netto delle ritenute di legge familiare di 1400 euro. Lo stipendio non può essere pignorato in misura maggiore del 50%. Sua moglie potrebbe fare pignorare il suo stipendio per crediti alimentari fino ad un terzo (33%) e quindi comunque resterebbe un 17% pignorabile dalla banca.

Dunque, c’è capienza per un eventuale ulteriore pignoramento.

Per quanto attiene la residenza, se proprio non vuole acquisirla presso i suoi genitori per evitare loro problemi conseguenti ad un eventuale pignoramento presso la residenza del debitore, può chiedere all’anagrafe del comune in cui vive, l’iscrizione alla via convenzionale riservata ai “senza fissa dimora”. Ogni comune ne ha una. E sarà poi quella che comunicherà al giudice (mi sembra anche un’ottima mossa per fargli capire bene la situazione economica in cui versa).

14 Dicembre 2011 · Rosaria Proietti

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Pignoramento dello stipendio - Le nuove norme per crediti di natura esattoriale
La conversione in legge del decreto per la semplificazione degli adempimenti fiscali, contiene importanti novità in tema di pignorabilità di stipendi e pensioni. Il decreto introduce un limite di pignorabilità presso terzi per stipendi, salari o altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego parzialmente derogando, per la riscossione a mezzo ruolo, alle previsioni del codice di procedura civile in materia. Segnatamente, mutuando il sistema operante in Francia, con le norme in esame, sono state fissate, per importi fino a cinquemila euro, limiti di pignorabilità più bassi di quelli previsti dal codice civile. Così il pignoramento dello stipendio, ...

Cessione del quinto dello stipendio e pignoramento
La legge disciplina l'ipotesi del cumulo della cessione con uno o più eventuali pignoramenti della retribuzione. Il cumulo può verificarsi in due distinte ipotesi, in relazione alle quali il legislatore fissa precisi limiti quantitativi. Qualora la retribuzione del lavoratore sia già gravata da una trattenuta a titolo di pignoramento e successivamente il medesimo stipuli un contratto di finanziamento da estinguersi mediante cessione della retribuzione, la quota di stipendio "cedibile" dal dipendente non può eccedere la differenza tra i due quinti della retribuzione (considerata al netto delle trattenute fiscali e previdenziali) e la quota "vincolata" dal pignoramento; in ogni caso, la ...

Pignoramento dello stipendio con cessione e separazione - a volte conviene
Sono un lavoratore dipendente su cui incombono azioni esecutive promosse da Equitalia e da altri creditori. Attualmente percepisco circa 1700 euro netti al mese. Anni fa ho ceduto il quinto dello stipendio per far fronte ad una grave malattia che mi ha colpito all'improvviso (fanno tutte così) e per la quale era necessario sottoporsi a cure costose ed urgenti; cure non prestate, nella mia regione, dal Sistema Sanitario Nazionale e altrove disponibili ma, con liste di attesa incompatibili con i tempi di evoluzione della malattia. In conseguenza della cessione del quinto, attualmente, mi viene operata una trattenuta di 350 euro ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignoramento dell'assegno familiare e dello stipendio. Clicca qui.

Stai leggendo Pignoramento dell'assegno familiare e dello stipendio Autore Rosaria Proietti Articolo pubblicato il giorno 14 Dicembre 2011 Ultima modifica effettuata il giorno 17 Febbraio 2019 Classificato nella categoria assegni cambiali e conti correnti - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)