Pignoramento presso residenza del debitore e nomina custode dei beni pignorati

In tema di pignoramento presso la residenza del debitore vige il principio di presunzione di proprietà: in pratica tutti i beni presenti nella residenza del debitore sono considerati pignorabili, perchè si presuppone, fino a prova contraria, che quei beni siano di proprietà del debitore.

Ora, se sua moglie dispone di una fattura nominativa per l'acquisto dell'apparecchio TV, deve recarsi nella cancelleria del tribunale ed esibire il documento che preclude alla liberazione del bene pignorato.

Altrimenti, il bene rimane in custodia di sua moglie, fino alla sua vendita all'asta.

Ciò detto, è evidente quello che può essere accaduto. Quando il debitore insolvente assume un atteggiamento arrogante, strafottente e/o sterilmente aggressivo non si fa altro che irritare il creditore, trasformando un caso "standard", di routine, in un caso speciale che "costi quel che costi, gliela faccio passare io la voglia di fare il furbo a quello lì ...".

Quel televisore non lo comprerà nessuno ed è evidente che non avrebbe alcun senso mettere in piedi una procedura costosa per ricavare poche decine di euro al massimo. Perchè se è vero che le spese vengono imputate al debitore, è anche vero che deve comunque anticiparle il creditore.

19 ottobre 2012 · Genny Manfredi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • Anonimo 22 maggio 2018 at 18:38

    Buonasera. Ho un problema.ho un debito ex Unicredit ceduto pro soluto ad una SPV e in recupero crediti Fire per 12.000.
    Sono disoccupato e nullatenente e vivo nella abitazione di esclusiva proprietà di mia madre, esodata. Da svariato tempo viviamo aiutati da mia nonna e io faccio piccoli lavoretti in nero.
    Oggi ho ricevuto una visita di un recuperatore Fire che mi ha proposto di rientrare a piccole rate, ma al momento non posso davvero. Ho fornito alla soc di recupero crediti tutta la documentazione riguardante la mia situazione . loro hanno detto che faranno decreto ingiuntivo e pignoreramno divani TV radio, mobili.
    Tutto ciò e di mia madre ma non lo posso provare perché di tutto ciò che ce in casa non abbiamo più le fatture.
    Qualcuno mi dice che non faranno , per ora nulla perché puntano allo stipendio.ma purtroppo leggo di pignoramenti senza constatare la solvibilità del debitore. Posso avere chiarimenti in merito?

    • Annapaola Ferri 23 maggio 2018 at 00:10

      Ma il nostro esperto non le sta già fornendo un paziente supporto qui?

      Lei è di una scorrettezza unica: chi si occupa del suo caso ce lo aveva già riferito, ma toccare con mano la sua insistenza, peraltro molto naif, è altra cosa.

      Bene, noi non sappiamo se la FIRE avvierà, o meno, azione esecutiva nei suoi confronti. Quello che è certo, invece, è che cancelleremo ogni sua ulteriore domanda. Saluti.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca