Dipendente pubblico timbra anche il cartellino del collega assente - Per entrambi il reato è quello di truffa

La falsa attestazione del pubblico dipendente, circa la presenza in ufficio riportata sui cartellini marcatempo o nei fogli di presenza, è condotta fraudolenta, idonea oggettivamente ad indurre in errore l'amministrazione di appartenenza circa la presenza su luogo di lavoro, ed è dunque suscettibile di integrare il reato di truffa aggravata, ove il pubblico dipendente si allontani senza far risultare, mediante timbratura del cartellino o della scheda magnetica, i periodi di assenza, sempre che siano da considerare economicamente apprezzabili.

L'indebito utilizzo dei badges configura, dunque, quegli artifici e raggiri che compongono l'elemento materiale del reato di truffa aggravata ai danni dell'Ente pubblico e che, se reiterati, producono un danno patrimoniale apprezzabile per l'Amministrazione chiamata a retribuire una frazione della prestazione giornaliera che in effetti non è stata effettuata, con ulteriore danno patrimoniale e d'immagine conseguente alla mancata presenza del dipendente nel presidio lavorativo, che resta così sguarnito della corrispondente unità di lavoro.

Così hanno deciso i giudici della sezione penale della Corte di cassazione con la sentenza 45698/15.

25 dicembre 2015 · Patrizio Oliva

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su dipendente pubblico timbra anche il cartellino del collega assente - per entrambi il reato è quello di truffa. Clicca qui.

Stai leggendo Dipendente pubblico timbra anche il cartellino del collega assente - Per entrambi il reato è quello di truffa Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 25 dicembre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 4 agosto 2017 Classificato nella categoria sentenze e ordinanze della Corte di cassazione in tema di lavoro e pensione Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare qui. Per accedere con credenziali Facebook puoi cliccare qui.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca