Truffa su valutazione automobili » L'arresto




» Vai all'indice dei contenuti dell'articolo completo



Così, sono stati arrestati dalla Guardia di Finanza e dalla Polizia postale i gestori del noto sito internte.

Il reato ipotizzato è quello di truffa ai danni dell’ignaro consumatore

Come già detto, infatti, l’utente veniva invitato a inserire, negli appositi spazi predisposti dal sito, il numero della propria targa nonché il modello dei veicolo da valutare, ma fatto ciò, al povero malcapitato veniva inviata una valutazione del veicolo per niente personalizzata, ma effettuata solo sulla base dei dati presenti nel PRA. Neanche a dirlo: benché non specificato, per la valutazione dell’auto usata veniva richiesto immediatamente un pagamento di più di 50 euro, con successive lettere di soleccito più o meno intimidatorie.

Ora la giustizia appurerà se si è di fronte o meno a fattispecie penali.

Sicuramente sembrano contestabili condotte commerciali scorrette, su cui dovrebbe intervenire pesantemente l’Antitrust.

Pertanto, a tutti coloro che sono incappati in questo sito consigliamo di continuare ad ignorare le richieste di pagamento e di segnalare l’accaduto all’Agcm.



» Vai all'indice dei contenuti dell'articolo completo


24 Luglio 2013 · Giovanni Napoletano




Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Cosa sto leggendo

Stai leggendo Truffa su valutazione automobili » L'arresto Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 24 Luglio 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 16 Dicembre 2017 Classificato nella categoria attualità gossip politica

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)