Troppi "avvocati" nelle società di recupero crediti

Se l'avvocato (al telefono siamo tutti avvocati) annullasse l'accordo sarebbe certamente in malafede.

Un vero avvocato, del resto, non farebbe mai pagare il proprio cliente a fronte di una proposta ricevuta via fax o via e-mail (in quest’ultimo caso sarebbe necessaria almeno una casella di posta certificata).

La proposta, per essere sottoscritta ed accettata, deve essere trasmessa in duplice copia dal debitore e sottoscritta in originale e redatta su carta intestata.

Una volta che lei avrà pagato, non riceverà alcun supporto, nè alcun chiarimento, nè niente.

Se si trova ad interagire con una società di recupero crediti seria, i suoi funzionari non avranno alcuna difficoltà ad acconsentire alle sue giuste e motivate richiesta. Anzi, sarebbero stati loro stessi a proporle la corretta procedura.

Non dimentichi la liberatoria. Anche quella, sempre in modalità: “Pagare moneta, vedere cammello!”

La discussione continua in questo forum.

Per porre una domanda su debiti e sovraindebitamento, accedi al forum.

19 settembre 2010 · Chiara Nicolai

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su troppi "avvocati" nelle società di recupero crediti. Clicca qui.

Stai leggendo Troppi "avvocati" nelle società di recupero crediti Autore Chiara Nicolai Articolo pubblicato il giorno 19 settembre 2010 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria recupero crediti - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca