Tre anni fa ho contratto un prestito personale con una nota società finanziaria

Tre anni fa ho contratto un prestito personale con una nota società finanziaria, della durata di cinque anni. Inoltre la stessa finanziaria mi ha dato una carta di credito revolving. Ho pagato puntualmente sia la rata del prestito, sia quella della carta per oltre 2 anni. Da alcuni mesi però non riesco più a far fronte alle due rate mensili, che sommate raggiungono la metà del mio attuale reddito mensile. Conseguenti telefonate minacciose dai recuperatori. Non sono certo loro a darmi piensiero. Mi chiedo invece: come faccio a farmi rifinanziare sia il residuo debito (prestito e carta), sia gli insoluti. Inoltre, cosa è plausibile che possa avvenire qualora non riesca a far “ragionare” la finanziaria? Preciso di non avere alcun tipo di proprietà ad esclusione della mia auto (che avrà un valore commerciale di 1000 euro). Grazie

Commento di ALFIO MURABITO | Giovedì, 11 Settembre 2008

Dovresti sapere che il mancato pagamento dei debiti, per un consumatore, non costituisce un reato penale.

L’auto costa troppo pignorarla e non si è certi che alla fine dell’iter giudiziale, questa risulti ancora di tua proprietà. Quindi …

Puoi aspettarti, invece, un pignoramento del quinto dello stipendio.

Per quel che attiene il consolidamento del debito, potresti trovare una finanziaria che ti accordi un prestito con la garanzia di cessione del quinto dello stipendio (se sei un lavoratore dipendente).

Ma attento. Potrebbe essere un’arma a doppio taglio. Il tuo primo creditore insoddisfatto potrebbe essere, così, messo al corrente della tua fonte di reddito e procedere al pignoramento di un altro quinto dello stipendio.

Commento di karalis | Venerdì, 12 Settembre 2008

12 Settembre 2008 · Paolo Rastelli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Debito con finanziaria per prestito personale - Temo pignoramento del conto corrente dello stipendio e della casa
A seguito di gravi difficoltà economiche non riusciamo più a pagare le rate di un prestito personale decennale con una finanziaria. Il debito era di 50.000 euro, abbiamo pagato 7 rate di 744 euro ciascuna e siamo in arretrato di 4 rate. Abbiamo comunicato per iscritto alla Banca (tramite un legale di un'associazione di consumatori) di voler pagare ma con una rata più bassa di massimo 400 euro in quanto abbiamo anche la rata del mutuo di 500 euro e a fronte di 1500 euro di stipendio non riusciamo più a vivere. Da parte della finanziaria finora nessuna risposta. Continuano ...

Prestiti per dipendenti » Viaggio alla scoperta di questa particolare tipologia di prestito personale
Oggi vogliamo parlare dei prestiti per dipendenti: affrontiamo, dunque, un piccolo viaggio alla scoperta di questa particolare tipologia di prestito personale. I prestiti per dipendenti sono una tipologia di prestiti personali che vengono destinati ai lavoratori dipendenti pubblici e statali e privati. I prestiti per dipendenti sono finanziamenti non finalizzati: coloro che li richiedono, cioè, non hanno l'obbligo di specificare la finalità della somma richiesta. I prestiti personali per dipendenti prevedono, come forma più comune, la cessione del quinto dello stipendio: secondo questa formula le rate del prestito vengono trattenute direttamente dalla busta paga del richiedente e pagate dal datore ...

Prestito personale stipendio
Con il pignoramento presso terzi dello stipendio netto lei subirebbe una trattenuta massima di un quinto, condizionata, tuttavia, dal vincolo che la somma della quota pignorata e di quella ceduta non possono essere superiori alla metà dello stipendio. Non conosco i contenuti del contratto da lei firmato, e quindi l'entità degli importi che avrebbe dovuto corrispondere alla finanziaria, ma deve tuttavia tener conto dell'aggravio delle spese legali nel caso in cui si procedesse in via giudiziale. Per contro, il prestito delega, talvolta, non viene preso in considerazione per calcolare la capienza di un eventuale pignoramento. E quindi con il prestito ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su tre anni fa ho contratto un prestito personale con una nota società finanziaria. Clicca qui.

Stai leggendo Tre anni fa ho contratto un prestito personale con una nota società finanziaria Autore Paolo Rastelli Articolo pubblicato il giorno 12 Settembre 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - eredità successione e donazioni - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • andre 22 Gennaio 2010 at 14:26

    salve circa 9 mesi fa ho perso il lavoro e avevo fatto un finanziamento di 2000 poi mi sono arrivate 2 carte di credito che ho attivatio adesso sono 5 mesi che non pago kle rate
    cosa rischi?
    io dovrei andare in cile per prendere una eredita di mia moglie e deo andare con lei
    posso viaggiare?
    vi prego rispondetemi perfavore
    vi ringrazio

    • cocco bill 22 Gennaio 2010 at 15:15

      Non c’è alcun problema Andre.

  • salvatore 8 Luglio 2009 at 14:58

    chiedo una risposta se possibile alla mia situazione. dunque ho fatto un prestito 2 anni fa din20000 euro,e concessomi perche ero un lavoratore dipendente da 10 anni. Ora a febbraio l azienda ha dovuto effettuare dei licenziamenti per poco lavoro e ioci sono finito dentro.Avendo famiglia con 2 bambini a carico e nn percepisco piu lo stipendio non riesco piu a portare a termine questo impegno con la finanziaria . chiedo quali sono le iniziative della stessa e le mie conseguenza anche sul lato giudiziario. GRAZIE per la Vostra attenzione

  • Francesco 19 Maggio 2009 at 16:07

    Salve, mi è arrivata, forse a seguito di un prestito ottenuto da Citifin, una carta di credito mai richiesta.

    Dopo un anno circa mi vengono addebbitate spese di tenuta conto relative alla suddetta carta di credito: preciso che non ho mai usato la carta, e non ho neanche staccato il talloncino adesivo dove si informa che, per attivarla, bisogna chiamare un numero verde (che non ho mai chiamato).

    Ora sembra che la cosa si sia aggravata, mi sono arrivate altre comunicazioni e vorrei bloccare la carta (che, paradossalmente non è mai stata attivata!).